Londra: Entro Il 2020 Cambiamento Dell’ambiente

Londra, un obiettivo ambizioso pronto da mettere in atto.

0
193
Ambiente

Londra, un obiettivo ambizioso pronto da mettere in atto. Una delle città al mondo più sottoposte ad inquinamento. Ma un obiettivo ambizioso è alle porte, entro il 2050 un netto cambiamento dell’ambiente. Vengono impegnati per la creazione di spazi verdi, dodici milioni di euro dall’amministrazione. Si spera in uno sviluppo urbanistico rispettoso dell’ambiente.

Londra: entro il 2050 meno inquinamento e più spazi verdi

Londra, obiettivo ambizioso alle porte. La grande metropoli ad oggi è tra le più colpite da inquinamento. Ad oggi un importante cambiamento è alle porte. Entro l’anno 2050 si stima ad una netta evoluzione dell’ambiente. Maggiori spazi verdi. Londra si impegna ad uno sviluppo urbanistico capace di collaborare con un nuovo ambiente, maggiormente ecologico e naturale. Un obiettivo alla scoperta delle eco-sfide, raccontateci dall’iniziativa di Euronews, Green Tomorrow. Lo skyline urbano di Canary Wharf proprio sotto un fiorente eco-parco. Questo è tra i progetti che rendono più verde la grigia giungla di malta di Londra. Qui all’ombra dei grattacieli troviamo i frutteti, coltivazioni di luppolo e alveari.

Lesley Wertheimer : ”Stiamo lavorando sulle prescrizioni verdi e abbiamo scoperto che le persone che non stanno bene, mentalmente e/o fisicamente, traggono beneficio da un’area come questa; sia che si tratti solo di passeggiare sia che contribuiscano a fare qualcosa per migliorarla”. Sappiamo che la città di Londra è già verde al 47,5 per cento, l’obiettivo finalizzato è giungere al 50 per cento. Sadiq Khan, sindaco della città, spera in un sano e concreto obiettivo: trasformare Londra in una città ricoperta di verde, ovvero una ”National Park City”.


Duro colpo a Londra: UE avvia il processo di infrazione


Londra: Shirley Rodrigues e Dhiresh Tailor

Shirley Rodrigues assessore all’ambiente e all’energia, ci da alcune spiegazioni personali a riguardo dei progetti londinesi ecologici: ” tutti i nuovi progetti di sviluppo devono includere tetti e infrastrutture verdi, a sostegno della biodiversità. Londra ha più tetti verdi di qualsiasi altra città d’Europa. E questo è perfetto per promuovere la fauna selvatica nel cuore della città”. Dhiresh Tailor Square Mile Farms: ”Ci siamo resi conto che a Londra ci sono molti spazi sottoutilizzati. Vogliamo portare non solo il verde, quindi l’esterno all’interno, ma anche piante alimentari. In modo che la gente vi si possa dedicare, imparando a coltivare il proprio cibo nei complessi residenziali e negli uffici”.

Cascina urbana sul tetto di Paddington

Incredibile a dirsi! Ma proprio sul tetto di Paddington è stata insignita una cascina urbana, dove quantità di ortaggi hanno la possibilità di crescere e svilupparsi. Gli ortaggi crescono senza l’utilizzo della terra, grazie ai ‘muri bio’, installati negli uffici e nei grattacieli attorno. Le ‘mura bio’ utilizzare a Londra appartengono ad una nuova fase di sviluppo del paese. Sono un altro modo per rendere più verde il cinereo cittadino, attirando la fauna selvatica e aiutando a regolare la temperatura dell’edificio.


Green New Deal: cos’è e quali sono i suoi punti cardine


Nel cuore di Haringey, viene piantato un giardino

Ci troviamo in una zona affollata della parte nord di Londra. Nel cuore di Haringey. Qui i volontari stanno piantando un nuovo giardino. Luke Newsome, London Park City Ranger ci espone in dettaglio la trasformazione: ”Prima che si aprissero i giardini, questo era un po’ un ritrovo per ubriachi. Ora è un orgoglio per l’intera zona”. E man mano che Londra si appresta ad espandersi, il reticolo urbanistico cresce. L’ambiente che la supporta e la ospita non deve comunque essere dimenticato.

Commenti