Lo stupro in Polonia: serve una nuova definizione

0
199

Secondo il Consiglio d’Europa, si dovrebbe cambiare la definizione di stupro in Polonia, adeguandola ai requisiti della Convenzione di Istanbul. Ma finora il governo non ha ascoltato richieste simili da parte del difensore civico. Anzi, la Polonia sta seriamente pensando di di ritirarsi dalla Convenzione di Istanbul.

La definizione di stupro in Polonia: cosa comprende e cosa non comprende?

Il gruppo GREVIO, formato da esperti del Consiglio d’Europa che si occupano della valutazione dell’attuazione della Convenzione di Istanbul ha comunicato il 16 settembre il suo primo rapporto sulla Polonia. Una delle raccomandazioni più urgenti è quella di cambiare la definizione legale di stupro per includere i rapporti sessuali senza espresso consenso. L’attuale definizione nella legge polacca sottolinea la necessità di opporsi a comportamenti sessuali indesiderati. E questo nelle attività penali può ridursi a verificare se ci sono state violenze fisiche, minacce illegali o inganni, e quindi a opporre “resistenza attiva”. “Senza una nuova definizione di stupro, i pubblici ministeri prenderanno decisioni contro l’azione penale quando l’atto sessuale è indiscutibile, ma il consenso all’atto non è incontestato“, spiega GREVIO.

La lotta per cambiare la definizione di stupro in Polonia

La battaglia polacca per i cambiamenti legali sullo stupro ha una lunga storia, e anche quest’estate Adam Bodnar, in qualità di difensore civico, ha ripetuto diversi appelli al Ministero della Giustizia per un’iniziativa legislativa appropriata. Tuttavia, il governo ha risposto che anche le attuali disposizioni del codice penale polacco possono essere interpretate in linea con la Convenzione di Istanbul. Solo che anche gli esperti del Consiglio d’Europa nel rapporto pubblicato giovedi non condividono questa opinione del ministero.


Polonia e aborto: i giorni bui e freddi dei diritti

Modello Pozna

Inoltre, GREVIO raccomanda alle autorità polacche di affrontare l’attuale carenza di strutture che forniscono assistenza rapida alle vittime di stupro e violenza sessuale . Si tratta di cure mediche, medicina legale e supporto terapeutico a breve e lungo termine nel campo dei traumi. “Tali benefici dovrebbero essere disponibili per le vittime che vivono sia nelle aree rurali che urbane. Indipendentemente da ciò che una donna intende fare con una gravidanza derivante da un crimine“. Sottolineano che le loro precedenti raccomandazioni per tali centri di sostegno hanno contribuito al miglioramento, tra gli altri, in Austria e Finlandia. Il rapporto del Consiglio d’Europa chiede anche una migliore formazione delle forze dell’ordine e che si tenga conto del rischio di violenza di genere per le donne in attesa di decisioni in materia di asilo in Polonia. D’altra parte, GREVIO sottolinea i cambiamenti favorevoli derivanti dall’adeguamento della normativa e delle attività polacche fino ad oggi alla Convenzione di Istanbul. Come l’introduzione di reati sessuali d’ufficio e l’introduzione, l’anno scorso, della norma di far allontanare su ordine della polizia dall’appartamento comune l’autore di violenza domestica.

Il problema dell’UE con la Convenzione di Istanbul

I benefici della Convenzione di Istanbul fanno sì che la Commissione Europea e il Parlamento Europeo continuino a postulare l’adesione dell’intera UE a questo accordo, che Bruxelles ha già firmato nel 2017. Il problema è che a causa delle obiezioni di diversi paesi, non vi è alcun segno di approvazione di questa decisione. Finora questa convenzione del Consiglio d’Europa è stata firmata da tutti i paesi dell’UE, ma non ratificata da Ungheria, Bulgaria, Repubblica Ceca, Slovacchia, Lettonia, Lituania, e in Polonia. In tutti i paesi dell’UE che non l’hanno ancora ratificato, si diffondono teorie su intenzioni “laterali” o “mimetizzate” rivolte al modello familiare “ordinario”, e anche nei confronti dell’umanità divisa in donne e uomini.

Lo stallo e la necessità di un intervento

Gli eurodeputati richiedono un’azione comune, ad esempio, sulle soglie minime di sanzioni nell’UE. “Chiediamo una legislazione dell’UE sulla violenza di genere. Ma la legge e le decisioni giudiziarie non sono tutto. Bisogna anche combattere la mancanza di uguaglianza in tutti i settori“, ha affermato l’eurodeputato svedese Malin Björk, coautore della proposta alla Commissione.