Lo Stress può davvero far ammalare? Sintomi e consigli

0
317

Lo stress, secondo uno studio pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences, può avere un impatto negativo su gli ormoni e il sistema immunitario. Scopriamo i sintomi e come combattere lo stress.

Cosa si intende con il termine Stress?

Lo stress è una reazione che si manifesta quando una persona percepisce uno squilibrio tra le sollecitazioni ricevute e le risorse a disposizione. Si tratta, precisamente, di una sindrome generale di adattamento atta a ristabilire un nuovo equilibrio interno in seguito a fattori di stress. Le alterazioni dell’equilibrio possono avvenire a livello endocrino, umorale, organico, biologico. Il termine stress venne introdotto per la prima volta in biologia da Walter Bradford Cannon nel 1935. La sindrome venne definita in questo modo da Hans Selye nel 1936. Può essere fisiologica, ma può avere anche dei risvolti patologici o cronici che ricadono nel campo della psicosomatica.

Come lo stress può incidere sulla malattia?

Il motivo più comune per cui le persone si ammalano ha detto Heather Moday, allergologo e immunologo: “Quando siamo esausti il cortisolo sale. Le nostre cellule di sorveglianza si abbassano e ci ammaliamo più facilmente. Il cortisolo stesso interferisce con la capacità di specifici globuli bianchi chiamati cellule T di proliferare e ricevere segnali dal corpo. Inoltre, il cortisolo abbassa anche un importante anticorpo chiamato IgA secretorio, che riveste il tratto respiratorio e l’intestino, che è la nostra prima linea di difesa contro gli agenti patogeni invasori”. Di conseguenza, il corpo e il sistema immunitario non rispondono al cortisolo come dovrebbero. Ad esempio quando ci ammaliamo per un comune raffreddore, non  necessariamente i sintomi sono causati dal virus stesso, ma piuttosto da un “effetto collaterale”. Ovvero dal modo in cui il corpo gestisce l’infiammazione associata all’esposizione dagli agenti patogeni. E maggiore è la risposta infiammatoria, più ci si sente male. 

Un sintomo molto comune dello stress: il mal di testa

“Una delle reazioni fisiche più comuni allo stress è la tensione dei muscoli, che alla fine può scatenare mal di testa da tensione, emicrania e altre condizioni muscoloscheletriche”, afferma Isaac Eliaz, fondatore e direttore medico della Amitabha Medical Clinic. 

Oppure si può avvertire il dolore muscolare

I muscoli tesi possono portare a dolori muscolari diffusi.  Questo dolore può colpire tutte le parti del corpo, ma il collo e le spalle sono luoghi comuni in cui le persone trattengono la tensione.  Il dolore facciale, in particolare alle orecchie, ai denti e alla testa, può anche svilupparsi a causa dello stress e probabilmente del serramento della mascella che ne deriva.  Inoltre, sembra esserci una correlazione tra lo stress e la sensibilità al dolore, il che significa che quando ti senti davvero stressato, le cose sembrano farti più male.

La difficoltà a dormire è un’altro effetto dello stress

Lo stress può portare a insonnia e disturbi del sonnp. La mancanza di un sonno adeguato può aumentare la risposta allo stress del corpo. Eudene Harry, M.D., direttore medico dell’Oasis Wellness and Rejuvenation Center, spiega che quando si è stressati, ci sentiamo in uno stato costante di alta adrenalina, il che rende difficile rilassarsi e dormire di cui hai bisogno.

Correlazione tra stress e stanchezza

La mancanza di sonno può causare stanchezza che non viene alleviata dal riposo o dal sonno. Uno studio ha scoperto che un alto livello di stress può portare a una stanchezza “inspiegabile”. Questo tipo di affaticamento da stress può anche portare a prestazioni e funzioni ridotte durante il giorno. Quindi è più difficile portare a termine le attività di base e/o concentrarsi sul proprio lavoro.  Questo perché livelli troppo alti di cortisolo possono esaurire le ghiandole surrenali, il che ti fa sentire come se stessi correndo a vuoto.

È possibile che lo stress provochi problemi alla pelle

I ricercatori di uno studio, pubblicato su JAMA Dermatology hanno esaminato un piccolo gruppo di 22 partecipanti e controllando altri fattori che causano sfoghi, come la mancanza di sonno e la scarsa qualità della dieta, hanno scoperto che l’aumento dello stress era correlato con un aumento di irritazioni alla pelle.

I problemi digestivi sono i più caratteristici

“Il nostro stomaco e l’intestino hanno il loro sistema nervoso unico chiamato sistema nervoso enterico”, ha detto la psicologa olistica Nicole Lippman-Barile, “Questi nervi rispondono agli stessi ormoni dello stress e neurotrasmettitori del nostro cervello”. “Lo stress è anche duro per il tuo sistema digestivo, poiché influenza i nutrienti che il tuo intestino assorbe, influenza la velocità con cui il cibo si muove attraverso il tuo corpo e può farti mangiare più o meno di quanto fai normalmente”, dice Eliaz.  “A sua volta, questo può causare nausea, dolore, vomito, bruciore di stomaco, stitichezza, reflusso acido e/o diarrea”.

Lo stress aumenta la sudorazione

Quando si è stressati, il cervello rilascia un neurotrasmettitore chiamato acetilcolina (ACh). L’ACh attiva il sistema nervoso, che invia segnali alle ghiandole sudoripare che aumentano la sudorazione in tutto il corpo, ma soprattutto sui palmi delle mani, sulle piante dei piedi, sul viso e sulle ascelle.

Adolescenti stressati a causa della pandemia

Infine, l’aumento della frequenza cardiaca

Il rilascio di cortisolo e adrenalina innesca la risposta “combatti o fuggi”, che aumenta le contrazioni dei muscoli cardiaci, di conseguenza, la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca.  La pressione sanguigna e la frequenza cardiaca possono rimanere elevate per un lungo periodo di tempo, il che può aumentare il rischio di sviluppare problemi più seri.

Come combattere lo stress?

Un trattamento molto utile è: lo yoga. Può bilanciare il sistema nervoso e gli ormoni riducendo anche il cortisolo, la pressione sanguigna e l’infiammazione. Mentre la meditazione aiuta a migliorare il modo in cui rispondi allo stress. Uno studio pubblicato su PLOS One ha scoperto che le persone che hanno partecipato a programmi di riduzione dello stress con lo yoga e la meditazione hanno avuto un calo del 43% nelle visite mediche l’anno successivo.

Oltre allo yoga

Molto benefico è l’esercizio fisico, per migliorare la resilienza emotiva. Producendo endorfine, le sostanze chimiche felici che diminuiscono la tensione e migliorano il sonno. Alcuni integratori naturali supportano le ghiandole surrenali e migliorano il modo in cui il corpo risponde fisicamente allo stress. Ad esempio: ashwagandha, Rhodiola rosea, ginseng asiatico ed Eleuthero. Bere il tè può abbassare i livelli di cortisolo e aiutare a riprendersi dallo stress più rapidamente.  Oltre al tè nero, puoi provare una tisana alla camomilla, alla lavanda, al ginseng, all’erba gatta o alla melissa.

È consigliabile limitare la caffeina

Anche se la caffeina ha alcuni benefici positivi, può aumentare i livelli di cortisolo durante il giorno e influenzare negativamente la durata e la qualità del sonno fino al 40%. Per sostituire il caffè,  si può utilizzare : Kava kava, olio di canapa, L-teanina, radice di valeriana, magnesio e luppolo hanno tutti effetti positivi sullo stress e sui segni fisici che ne derivano. 

Prevenire è meglio che curare

Se si è molto stressati si può gestirlo e imparare ad affrontarlo meglio con i consigli di cui sopra. Ma naturalmente, è sempre cosa buona, parlare con il medico di eventuali sintomi fisici persistenti per escludere altre cause sottostanti o arrivare a una patologia cronica.