L’LSD diventa illegale negli Stati Uniti

Ma i medici conoscevano il potenziale

0
201
L'LSD diventa illegale negli Stati Uniti

Sintetizzata da Albert Hofmann, scienziato svizzero, l’LSD nacque per applicazioni farmaceutiche. Hofmann voleva creare uno stimolante respiratorio e circolatorio. Iniziò a studiare piante medicinali come la Drimia maritima, dotata di proprietà cardiotoniche e utilizzata anche per la cura dell’asma.

L’LSD: La scoperta

Isolando una molecola e studiandola in maniera approfondita, Hofmann sintetizzò l’LSD. Mentre era impegnato nel procedimento, e in maniera del tutto involontaria, ne assorbì un piccolo quantitativo. “Ero pervaso da una sensazione di assenza totale di affaticamento, era come se sognassi. Tenevo gli occhi chiusi e percepivo un flusso ininterrotto di immagini fantastiche, forme straordinarie e un intenso caleidoscopio di colori”.

LSD: Un’esperienza che trasforma la percezione

Dopo questa prima esperienza, Hofmann decise che la questione andava approfondita. Offrendosi come cavia, assunse 0.25 milligrammi di LSD. Subito la percezione del mondo cambiò. La realtà iniziò a sciogliersi come ne: La persistenza della memoria di Dalì. “I colori si acuirono, le armoniche dei suoni si incrinarono, tutto divenne plastico ed etereo allo stesso tempo”.

LSD: la rivelazione di Hofmann

Hofmann chiese ad un collaboratore di accompagnarlo a casa. Durante il viaggio di ritorno, lo scienziato si mostrò ansioso. Prima disse che la vicina di casa era una strega, poi che l’LSD l’aveva avvelenato. Arrivato a casa il ragazzo che l’aveva accompagnato chiamò il medico. Il dottore non ravvisò alcuna alterazione fisica in Hofmann, a parte un’evidente dilatazione delle pupille. Mentre era disteso sul divano di casa, Hofmann sentì il terrore che progressivamente lasciava spazio ad una sensazione di benessere. Lo scienziato chiuse gli occhi e si lasciò invadere dal caleidoscopio di colori. Un’esperienza che gli insegnò che l’assunzione dell’LSD andava dosata accuratamente. La forza delle suggestioni che la sostanza innescava era più scombussolante di quanto avesse immaginato.

L’LSD: l’utilizzo medico

Nel 1947 l’LSD entrò in commercio. Lo chiamarono Delysid. Il suo utilizzo nella medicina psichiatrica attirò subito l’attenzione dei media. Gli studenti di psicologia lo assumevano per fini didattici. Il nuovo farmaco creava una temporanea instabilità mentale, il cui modello forniva spunti di studio e ricerca. Sidney Cohen, psicoanalista statunitense, decise di condurre esperimenti riguardo a possibili impieghi terapeutici della molecola. L’idea del medico era quella di impiegare le proprietà dell’LSD per curare l’alcolismo, i problemi psichici e potenziare la creatività dell’individuo.

Una cura a portata di mano

A questo scopo somministrarono la molecola a soggetti con piccoli disturbi mentali e a più di cento tra scrittori e compositori, così da monitorarne le abilità creative. Con questa sperimentazione, Cohen riuscì a curare un gruppo di alcolisti. Le cose sembravano andare per il meglio, ma poi il governo mise un freno all’azienda farmaceutica che produceva il Delysid. Il farmaco riscuoteva ampi consensi, ma c’era che lo assumeva per fini ricreativi.

Ma i medici conoscevano il potenziale

Gli stessi medici che ne avevano testate le potenzialità lo suggerivano a parenti ed amici che non risultavano affetti da alcun disturbo. Negli anni ’80 il governo tagliò definitivamente i fondi alla produzione, sebbene le evidenze scientifiche dimostrassero l’efficacia del farmaco. Uno studio condotto nel 2014 dimostrò come una dose di 200 microgrammi diminuisse l’ansia negli individui soggetti a un certo tipo di patologie potenzialmente fatali.

L’LSD: la proibizione

Il governo statunitense proibì l’LSD nel 1966. Ogni utilizzo divenne illegale e i governatori di California e Nevada firmarono per primi una serie di leggi mirate al divieto di produzione, vendita e possesso del farmaco.

Il progetto MKULTRA

La CIA si interessò all’LSD dopo aver carpito interessanti informazioni da alcuni prigionieri della Guerra in Corea. Gli ex prigionieri raccontarono che i coreani li costringevano ad assumere sostanze stupefacenti che fungevano da siero della verità. La CIA pensò allora di prendere la molecola controversa e farne il nucleo portante del progetto denominato MKULTRA. Centinaia di cavie, alcune facenti parte dell’agenzia governativa, assunsero la sostanza.

I volontari del Trip

Alcuni lo fecero volontariamente, altri neanche seppero d’averlo fatto. I medici conducevano questi esperimenti in laboratori militari, bozzoli di segretezza quasi inespugnabile. “Quasi” perché la cosa saltò fuori. I medici filmarono gli esperimenti. Lo scopo del progetto era scoprire applicazioni nel campo del controllo mentale. Con l’uso dell’LSD, la CIA avrebbe strappato confessioni ai nemici dell’America.

Quando si cerca il male nel bene è sempre un nulla di fatto

La ricerca si concluse con un nulla di fatto. Gli effetti dell’allucinogeno cambiavano in base al soggetto che l’assumeva e farne un siero della verità era pressoché impossibile. Nonostante i tentativi di arginare il fenomeno, l’LSD ha trovato terreno fertile nel quale attecchire. Dalla Beat Generation, passando per i figli dei fiori, e giungendo ai giorni nostri, è diventato un fenomeno massivo. Nel 2015 un’indagine condotta dalla rivista Rolling Stone riportò che, nell’area di San Francisco, una forte percentuale di professionisti assumevano l’allucinogeno in piccole dosi, in modo da risolvere efficacemente problemi lavorativi e quotidiani di vario genere.

Commenti