Litiga con la compagna e la butta dalla finestra: arrestato

0
146
Litiga con la compagna

Litiga con la compagna e la butta giù dalla finestra: arrestato per tentato omicidio

Litiga con la compagna e la butta giù dalla finestra. Dopo il feroce gesto, l’uomo ha realizzato una vera e propria messa in scena, inventando di avere subito dalla compagna un furto e ideando una versione dei fatti a suo favore. I carabinieri del Radiomobile di Brescia hanno arrestato un 31enne, residente in città, per i reati di tentato omicidio aggravato e calunnia in danno della compagna 43enne. 

Le manette sono scattate a seguito dell’attività di indagine, coordinata dalla Procura, che ha avuto origine da un intervento effettuato nelle prime ore del mattino del 14 dicembre scorso, quando il personale medico di pronto intervento della Poliambulanza era intervenuto presso un’abitazione privata, dove una donna era precipitata da una finestra. Trasportata in ospedale, la signora, di professione assistente domestica, accusava sin da subito il compagno di averla spinta di sotto volontariamente. 

Gdf Brescia Memorandum operativo su confische in sede esecutiva penale

Moglie gelosa accoltella marito a Brescia

Spari nella notte a Brescia: un ferito aggressori in fuga

L’uomo, un disoccupato con alcuni precedenti di polizia, aveva invece raccontato con una versione in sua discolpa, ma ritenuta ambigua fin da subito. Secondo il 31enne, la compagna era caduta da sola dalla finestra, in un maldestro tentativo di fuga dopo essere stata scoperta a rubare denaro dal suo portafogli. Il comportamento della donna – a dire dello stesso – era dovuto ad una sorta di “vendetta” per un tradimento scoperto. Per tali fatti, la stessa mattina, l’uomo aveva persino sporto denuncia a carico della 43enne. 

A seguito delle indagini, è stato possibile stabilire che i due avevano avuto una violenta discussione in casa, nel corso della quale la donna aveva riportato delle lesioni al volto. Il diverbio, prolungatosi sino alla mattina successiva, era quindi degenerato nel tentativo di omicidio. Sebbene l’appartamento fosse al primo piano, il ‘volo’ della vittima è stato di circa 4 metri, poiché in corrispondenza dell’accesso della rampa dei garage. Ha riportato lesioni per 40 giorni.