L’Irlanda vuole unirsi alla Nato: il sondaggio

0
1109
Irlanda vuole unirsi alla Nato

L’Irlanda uno dei Paesi europei più lontani dai combattimenti vuole unirsi alla Nato. E’ quanto emerge dal sondaggio Red C. La guerra in Ucraina dunque, ha posto una nuova attenzione sulla posizione di difesa del Paese. Tuttavia da quando le bombe russe cadono sulle città ucraine, nelle capitali di tutta Europa, che non sono membri della NATO, si interrogano sulla sicurezza.

L’Irlanda vuole unirsi alla Nato?

Dai risultati del sondaggio si evince che la maggior parte dei cittadini irlandesi, il 48% vuole far parte della NATO mentre il 39% è contrario. Una neutralità messa alla prova da febbraio. Quando la Russia ha tenuto esercitazioni militari navali al largo della costa atlantica dell’Irlanda. Difatti il Paese non ha la capacità di identificare tutti gli aeromobili che transitano nel suo spazio aereo. Né di effettuare il monitoraggio sotto la superficie dei quasi 1 milione di chilometri quadrati di fondale marino che lo circonda. Non ha capacità radar o sonar di livello militare, nessun jet in grado di svolgere missioni di sorveglianza o intercettazione a lungo raggio. E pochi marinai per far funzionare la sua flotta di nove navi. Ci sono preoccupazioni sulla sua preparazione a qualsiasi possibile aggressione. Compresi gli attacchi ibridi. L’attacco informatico dell’anno scorso al sistema sanitario del Paese da parte di cyber russi ha evidenziato la vulnerabilità dell’Irlanda. In quanto il Paese dell’UE non è allineato ed è separato geograficamente dal resto del continente.

La fine della neutralità

Anche la Finlandia e la Svezia si interrogano sul loro ingresso nella NATO. I ministri dei rispettivi Paesi, che condividono un confine di 1.300 chilometri con la Russia, hanno partecipato all’inizio di questo mese a una riunione ministeriale straordinaria della NATO a Bruxelles. “La Finlandia entrerà nella NATO prima piuttosto che dopo… Ne sono assolutamente sicuro”, ha affermato Alexander Stubb. Un ex primo ministro finlandese che ha sostenuto l’adesione all’alleanza. Mentre l’Austria non intende cambiare la sua politica di neutralità. Sebbene non sia membro della NATO, come l’Irlanda, tuttavia, partecipa agli sforzi di difesa dell’UE. Mentre alcuni Paesi non hanno molto spazio di manovra. Lo status di Cipro come isola divisa e le sue travagliate relazioni con la Turchia continuano a complicare la prospettiva che aderisca alla NATO. E, per questo motivo, rimane l’unico Paese dell’UE a non far parte dell’iniziativa del Partenariato per la pace (PfP) della NATO, anche se continua ad ospitare grandi basi britanniche sull’isola.


Leggi anche – Fitch Ratings: la guerra riduce la crescita globale