L’Iran sospende alcuni impegni presi che riguardano il suo programma nucleare. E’ ufficiale, oggi, mercoledì 8 maggio. Le autorità iraniane hanno provveduto, successivamente, ad informare della decisione anche gli altri Paesi che hanno sottoscritto l’accordo nel 2015.

Oggi, il presidente iraniano Hasan Rohani ha annunciato che l’Iran riprenderà il programma dell’arricchimento dell’uranio, nel caso in cui gli altri stati non rispetteranno l’accordo di quattro anni fa.

Il provvedimento è stato preso in seguito al ritiro dall’accordo degli Stati Uniti lo scorso anno.

Nel suo discorso alla nazione, il presidente Rohani ha avvisato gli stati che hanno sottoscritto l’accordo, ossia Gran Bretagna, Francia, Germania, Cina e Russia, che hanno sessanta giorni di tempo per mettere in atto provvedimenti che salvaguardino i loro accordi con l’Iran nel settore petrolifero e bancario, dalle sanzioni statunitensi.

Se la questione del nucleare iraniano sarà portata davanti al Consiglio di sicurezza, ha aggiunto Rohani, il Paese risponderà con estrema fermezza, tuttavia egli si è detto disponibile a negoziare l’accordo sul nucleare.

Il presidente iraniano ha sottolineato, inoltre, che d’ora in avanti, sarà vietata la vendita di uranio a qualsiasi altro stato.

La Francia ha risposto agli avvertimenti iraniani, tramite il suo ministro della difesa, Florence Parly, sostenendo che il governo francese intende mantenere l’accordo stipulato quattro anni fa, tuttavia, ha specificato il ministro, che se l’Iran non rispetterà l’accordo del 2015, il ripristino delle sanzioni sarà inevitabile.

Il ministro della difesa francese ha dichiarato, inoltre, al canale televisivo “B.F.M.” che ” non c’è niente di peggio del ritiro dell’Iran”, ed ha aggiunto che Francia, Gran Bretagna e Germania, faranno ogni sforzo per restare nell’accordo.

La risposta cinese non si è fatta attendere, infatti il governo ha dichiarato, tramite il ministro degli esteri che, l’accordo sul nucleare con l’Iran ratificato quattro anni fa “deve essere applicato per intero da tutte le parti che se ne sono assunte la responsabilità”.

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here