L’Ipogeo del Necci ospita la mostra “Cosplay”

Uno spazio sotterraneo a Roma che i gestori del bar "Necci" hanno recuperato e trasformato in spazio per le degustazioni

0
447
Ipogeo del Necci
Apre oggi la mostra fotografica di Enrico Trajano "Cosplay"

Giovedì 23 settembre inaugura l’IPOGEO del Necci, uno spazio sotterraneo che ha vissuto diverse epoche, con le conseguenti trasformazioni. Il luogo, in antichità una cava di pozzolana, in epoca ottocentesca divenne una cantina vinicola. Durante la Seconda Guerra Mondiale fu utilizzato come un rifugio antiaereo


“Cantine aperte” in Toscana per la vendemmia


Chi ha rinnovato l’Ipogeo del Necci?

Lo spazio sottostante il bar di via Fanfulla, riapre dopo il ritrovamento e il recupero di Agathe Jaubourg e Massimo Innocenti. I gestori di “Neccihanno avviato l’opera di ristrutturazione conservativa, restituendo ai romani un luogo suggestivo. Le planimetrie del locale e del quartiere mostravano uno spazio sottostante al bar che gli esercenti non erano ancora riusciti a trovare. La scoperta è un vero e proprio caso – un atto di routine –. “I grandi vecchi” del Pigneto lo ricordano ancora. Quel luogo li ha accolti quando per le strade piovevano bombe e la Seconda Guerra Mondiale minacciava i romani che vivevano nella zona. Dal ritrovamento è nato l’Ipogeo del Necci al cui interno si respira ancora la sacralità dei momenti vissuti dai cittadini. Il docufilm “Ericovero. Storia profonda del quartiere Pigneto racconta gli ultimi anni della zona di Roma. Il filmato sarà presentato sabato 25 settembre durante il festival cinematografico.

L’apertura dello spazio sotterraneo

L’Ipogeo del Necci inizia il suo nuovo corso il 23 settembre con la mostra fotografica “Cosplay” di Filippo Trojano. Le immagini saranno esposte fino al 26 settembre, nell’ambito della quarta edizione del Pigneto film festival. Lo spazio sotterraneo sarà poi visitabile solo su prenotazione. Gli avventori saranno accolti nella cantina di vini incastonata nel tufo e nell’incredibile “cave bar”, già ribattezzato “Sotto sotto”. Un ambiente per la degustazione di drink e la mescita delle più pregiate tipologie di vino e bollicine. A partire da fine settembre il ristorante proporrà nella carta dei vini del locale, esclusive bottiglie conservate alla più ideale delle temperature. Un modo per vivere un’esperienza originale per tutti i sensi.

Immagine cartella stampa.