L’India esclude la Cina dai mercati petroliferi

0
182

Una nuova manovra anticinese è stata promossa dalle compagnie petrolifere indiane che escludono di fatto dal mercato l’intervento delle petroliere di Pechino. Le major petrolifere dell’India, l’Indian Oil, la Bharat Petroleum e la Hindustan Petroleum, hanno infatti smesso di assumere petroliere cinesi per spedire i loro greggi e prodotti petroliferi dopo che le relazioni tra i due paesi si sono deteriorate.

Secondo il Times of India, alle navi petrolifere di proprietà della Cina è stato vietato di fare offerte per il noleggio di petroliere per importare greggio in India o esportare prodotti come il diesel. Il divieto è stato reso operativo dall’India lo scorso lunedì.

Il primo ministro del paese Narendra Modi ha accolto tale iniziativa in relazione alla legge emanata un mese fa sulla limitazione dei contratti governativi con i paesi confinanti. Un ulteriore modo per dimostrare le tensioni sviluppate soprattutto con Pakistan e Cina.

Relazioni Cina-India ai limiti storici

Le relazioni tra i due paesi sono peggiorati con la disputa militare sorta nel confine tra le due nazioni; nella zona conosciuta come Linea di Controllo Effettivo (LAC). Gli scontri tra gli eserciti, iniziati lo scorso 6 maggio, sono culminati poi il 15 con la morte di 20 militari indiani. La zona interessata agli scontri è la valle di Galwan e il territorio di Ladakh.

Il primo ministro Modi lo scorso luglio ha anche cercato di limitare la potenza tecnologica cinese, bandendo numerose applicazioni considerate pericolose per la sicurezza nazionale.

The India-China border has been witnessing tensions over the past ...
La complessa situazione del confine Cina-India

Leggi anche: La Cina sanziona 11 americani, tra cui i senatori Marco Rubio e Ted Cruz

Commenti