Hanno fatto molto discutere le dichiarazioni di Roberto Mancini su quello che è lo stato della serie A dei giorni scorsi. Il CT dell’Italia aveva accusato la maggior parte delle società Italiane calcistiche di non riuscire a dare il giusto spazio ai giovani Italiani cercando di utilizzare piuttosto quelli che sono giocatori provenienti da altri paesi. Questa è in realtà è una discussione che nel corso degli anni si sta diffondendo a macchia d’olio in Italia. Mancini aveva sottolineato proprio come potrebbe essere un problema non far giocare gli italiani, soprattutto per il futuro della nazionale calcistica azzurra.

Tantissimi sono i personaggi che appartengono alla FIGC, ovvero la Federazione Italiana Gioco del Calcio, tra cui in particolare Carlo Tavecchio, che hanno fin da subito appoggiato quelle che sono state le dichiarazioni dell’ex tecnico dell’Inter, Roberto Mancini, CT della nazionale. Oltre ai leader del calcio, il sostegno è arrivato anche dal Ministro degli Interni, Matteo Salvini. Si parla nel corso delle ultime settimane di inserire alcune limitazioni per i giocatori stranieri che possono entrare a far parte del massimo campionato italiano. Per risolvere la crisi calcistica e cercare di risollevare quelle che sono le sorti di questo Paese da un punto di vista sportivo, non ci sarebbe altra strada se non quella del frenare l’ingresso di personaggi provenienti da altri Stati.

I contrasti sulle diverse posizioni in merito al futuro del calcio italiano

Molti personaggi del mondo calcistico si sono detti d’accordo con quella che è la posizione del CT Mancini, ma invece c’è anche chi si trova completamente contrario a questo tipo di posizione. È il caso di Gianluca Petrachi, direttore sportivo del Torino che invece ha approfittato di questo momento per buttare qualche stilettata nei confronti dell’ex allenatore dell’Inter. Infatti, ha sottolineato in una intervista, come il calcio italiano si trovi in una davvero difficile situazione definendo il sistema “malato”.

Secondo il ds ci sarebbero infatti le possibilità di risanare l’intero sistema, con delle regole nuove da mettere in campo il prima possibile. Petrachi ha anche lanciato una frecciatina al CT della nazionale ricordandogli che quando lui era l’Inter come allenatore, non giocavano certo gli italiani nella sua squadra neroblù. Insomma, gli animi sono tutt’altro che sereni rispetto a questo argomento.

Squadre di serie B e il sistema calcio

Un’altra discussione che è stata intrapresa proprio in merito a quella che è la situazione del sistema del calcio italiano, riguarda la possibilità dell’introduzione di squadre di serie B, cosa che attualmente ha fatto la solo la Juve. Far crescere i giocatori in campionati competitivi di certo non sembra una soluzione che mette tutti d’accordo. Secondo il ds del Torino per esempio, mettere le squadre di Lega Pro in condizione di essere aiutate potrebbe essere una soluzione ma la cosa importante, piuttosto, sarebbe sostenere i campionati minori anche più competitivi così da formare i giovani calciatori del futuro.

Sembra una discussione che potrà essere destinata a durare nel corso degli anni. Questo perché soltanto cercando di risanare il sistema calcio si sarà in grado di effettuare il giusto tipo di approccio, così da garantire al calcio italiano una possibilità in più anche a livello internazionale.

Non è un caso che nel corso degli ultimi anni, l’Italia è diventata sempre meno competitiva con addirittura la nazionale che non è riuscita a qualificarsi nei mondiali. Si tratta per questo motivo di un momento particolarmente difficile del calcio italiano. Le parole dell’ex allenatore dell’Inter Roberto Mancini, attuale CT della nazionale di calcio servono senza ombra di dubbio, a scuotere un po’ quelli che sono gli animi tesi e rispetto alle regole da strutturare. La federazione è chiamata, in tale momento molto particolare, ad una scelta. Puntare sugli Italiani potrebbe essere la ricetta vincente per strutturare diversamente il sistema calcistico nazionale.

Se questo non dovesse bastare? E’ evidente che c’è qualcosa da migliorare e di conseguenza, bisognerà trovare soluzioni alternative. Nei prossimi mesi ci saranno diverse discussioni in tal modo per risolvere la problematica mentre le posizioni giorno dopo giorno, sui principali siti di notizie e giornali che si occupano del mondo del calcio, stanno impennando la divisione tra chi pensa che le limitazioni non giovino e chi invece è convinto che soltanto fermando l’invasione degli stranieri nel calcio italiano si potranno risollevare le sorti di quelli che erano i valori calcistici nazionali. Le quote sulle future decisioni che i tecnici della squadra azzurra prenderanno, impazzano anche su Leovegas slots: gli utenti appassionati della nazionale si divertono a scommettere su chi saranno i convocati e sui risultati delle gare in vista delle qualificazioni europee.

La Nazionale e la strada in salita verso il successo

Nel frattempo, nazionale italiana continua il suo percorso di recupero con i prossimi impegni che sono tutti incentrati sulla partecipazione al campionato Europeo. È evidente che soltanto con un forte impegno e con una spinta che viene sia dalla Federazione che da tutti i club italiani, si potrà avere la possibilità di salvaguardare quello che è il futuro degli azzurri.

Sicuramente la scelta di un CT come Roberto Mancini è stata importante perché ha dato un forte segnale di carattere e di spessore alla nazionale Italiana che adesso deve dimostrare in campo di voler essere recuperata e di essere in grado di recuperare dopo un mondiale mancato e tante lacune da colmare al più presto.

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here