Lilt.Art7, una mostra per contribuire alla riabilitazione oncologica

0
253
i fiocchi del 'cancro'

Creatività e talento per contribuire al miglioramento dei servizi per i malati di cancro all’evento Lilt.Art7. Domani alle 17.30 al Broletto di Novara sarà inaugurata la mostra-asta organizzata dall’associazione di volontariato Artisolide, un’iniziativa benefica il cui ricavato andrà alla Lega italiana per la lotta ai tumori. L’esposizione sarà visitabile fino al 5 marzo dalle 10 alle 19.30.

Un gruppo di artisti ha donato alla sezione locale della Lilt alcune opere che saranno presentate al pubblico durante l’esposizione. I lavori in mostra saranno acquistabili proponendo cifre non inferiori al 50% delle quotazioni del mercato del periodo. Si aggiudicheranno le creazioni i migliori offerenti al termine dell’ultimo giorno di esposizione. La somma raccolta a Lilt.Art7 sarà usata per attività di riabilitazione oncologica e sostegno psicosociale ed economico ai malati di cancro e ai familiari.

Lilt.Art7, asta benefica per raccogliere fondi per i servizi a favore dei malati di cancro

L’iniziativa nasce con lo scopo di sensibilizzare artisti e collezionisti ai progetti realizzati in ambito oncologico dalla Lilt e far conoscere i talenti dello sport della provincia. Le atlete della Igor Volley Novara saranno ospiti di quest’edizione dell’appuntamento, partecipando insieme agli artisti alla decorazione dei palloni. Le pallavoliste della squadra che gioca nel campionato femminile di A1 firmeranno gli oggetti che i pittori hanno trasformato in opere artistiche. I palloni da volley saranno all’asta, insieme a fotografie, installazioni e quadri di artisti di livello nazionale ed internazionale. I lavori esposti a Lilt.Art7 sono inseriti in un catalogo presentato da Diego Maria Rizzo.

La Lilt di Novara promuove delle iniziative di prevenzione e informazione sul cancro, favorendo la comunicazione tra i cittadini e il mondo sanitario. Fino a giugno sono in programma gli incontri mensili della rassegna Il cinema parla di salute e malattia che si svolgono all’aula magna dell’ospedale Maggiore della carità.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here