Licenziato direttore della cerimonia di Tokyo 2020

0
570

Le Olimpiadi di Tokyo hanno dovuto affrontare l’ultimo di una serie di disastri di pubbliche relazioni. E’ stato licenziato il direttore della cerimonia di apertura il giorno prima che si svolgesse. Sembra sia emerso un video vecchio di decenni in cui scherzava sull’Olocausto.

Perchè è stato licenziato il direttore della cerimonia di Tokyo 2020?

Lo scandalo è l’ultimo colpo alla vigilia dei giochi, che si stanno svolgendo in circostanze senza precedenti. Per lo più senza spettatori e contro la volontà di gran parte del pubblico giapponese mentre i casi di virus aumentano nella capitale. “Abbiamo scoperto che Kentaro Kobayashi in passato ha preso in giro una parte dolorosa della storia, quindi oggi è stato rimosso dal suo incarico“, ha detto ai giornalisti il ​​capo delle Olimpiadi Seiko Hashimoto.

Le scuse

Ci scusiamo profondamente per i problemi e le preoccupazioni causate”. Un video condiviso sui social media mostrava Kobayashi scherzare sull’Olocausto come parte di una scenetta. Il quotidiano Mainichi ha affermato che il video risale al 1998. Il Simon Wiesenthal Center ha rilasciato una dichiarazione in cui condanna le sue osservazioni. “Qualsiasi associazione di questa persona alle Olimpiadi di Tokyo insulterebbe la memoria di sei milioni di ebrei”, ha affermato il preside associato del centro, il rabbino Abraham Cooper.


Olimpiadi Tokyo nella bufera a causa dei letti anti sesso
Tutte le notizie di Tokyo 2020


Cosa succederà ora che è stato licenziato il direttore della cerimonia?

Con il regista fuori all’ultimo momento, Hashimoto ha detto che non era chiaro come sarebbe stata gestita la cerimonia di apertura venerdì. Il primo ministro Yoshihide Suga sarà presente all’evento, insieme alla first lady degli Stati Uniti Jill Biden e al presidente francese Emmanuel Macron. L’ultima debacle arriva pochi giorni dopo che un compositore la cui musica doveva essere usata alla cerimonia di apertura si è dimesso. In quel caso erano emerse interviste passate in cui aveva parlato di tormentare compagni di classe disabili mentre era a scuola.

Le Olimpiadi della diversità

Il marchio di Tokyo 2020 come Olimpiadi della “diversità” è stato messo in discussione più volte. La stessa Hashimoto è stata nominata capo del comitato organizzatore dopo che il suo predecessore, l’ex primo ministro Yoshiro Mori, si è dimesso dopo aver fatto commenti discriminatori sulle donne all’inizio di quest’anno. Un sondaggio di opinione dell’emittente giapponese JNN del 3-4 luglio ha rilevato che il 35% degli intervistati era a favore di un’Olimpiade senza spettatori, mentre il 26% voleva consentire ad alcuni fan e il 34% voleva annullare le partite o rimandarle di nuovo. L’evento si svolge mentre Tokyo si prepara a quella che secondo gli esperti potrebbe essere la peggiore ondata di infezioni da Covid-19 finora.