Libia, Farnesina: “Il comandante Giacalone ha riportato solo lievi ferite”

0
312

A distanza di diverse ore dall’incidente che ha coinvolto tre pescherecci italiani vicino alle coste di Misurata, Libia, si è fatta sentire la Farnesina. In un comunicato ha comunicato che il comandante alla guida del motopeschereccio Aliseo non ha riportato gravi danni ma solo lievi ferite. Altre fonti del ministero della difesa hanno poi rassicurato che si stanno attuando diverse verifiche sull’incidente per capire meglio la dinamica che ha coinvolto le tre imbarcazioni. Dopo l’accaduto il comandante Giuseppe Giacalone ha ricevuto poi l’assistenza medica della nave della marina italiana Libeccio, intervenuta tempestivamente da Mazara del Vallo.

Incidente Libia: cosa è successo?

Tutto è cominciato quando i tre motopescherecci hanno lasciato le acque italiane di Mazara del Vallo per addentrarsi in una zona definita ad alto rischio, a 30 miglia dalle coste di Misurata, per attività di pesca. Appena usciti dalle acque italiane ed entrate in quelle internazionali, le due imbarcazioni hanno incontrato i proiettili della guardia costiera libica. Proiettili non offensivi ma semplicemente intimitadori, come ha affermato un portavoce della Marina libica, Masoud Ibrahim Abdelsamad. Per la marina di Tripoli infatti le imbarcazioni italiane avevano oltrepassato le acque internazionali intenzionalmente. Mitragliare è stato, secondo la marina libica, un avvertimento per evitare che pescherecci stranieri entrassero nelle acque nazionali del paese nordafricano, considerate ad alto rischio.

Ma quei due spari hanno suscitato tanto clamore, dalla parte politica italiana e non solo. Perchè rappresentano una avvisaglia di un certo peso per le future attività italiane lungo le acque confinanti a quelle libiche. Ora considerate pericolose visto lo stallo politico del paese. Dalla parte del ministro della difesa Lorenzo Guerini, non ci sono stati ancora commenti. Ma più si andrà a fondo di questa vicenda e più si tenterà di capire cosa si cela dietro questo strano incidente.


Desaparecidos: in Libia mancano all’appello migranti nei centri di detenzione
Casarini: denuncerò l’ammiraglio dell’Irini, deporta migranti in Libia