Libertà di credo e libertà di religione: non paura

0
492

Mentre il mondo continua a rispondere agli effetti della pandemia globale, i diritti umani di molti che hanno una religione o hanno convinzioni umanistiche e/o atee sono sempre più minacciati. Nella Giornata internazionale che commemora le vittime di atti di violenza basati sulla religione o sul credo, l’UE è solidale con tutte le vittime di persecuzione, ovunque si trovino e ribadisce la necessità di una libertà di credo e di religione.

Libertà di credo nella dichiarazione dei Diritti dell’Uomo

Nell’articolo 18 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo (link is external), si legge che ogni individuo ha diritto alla libertà di pensiero, coscienza e religione. Questo diritto include la libertà di cambiare religione o credo e la libertà, da soli o in comunità con altri e in pubblico o in privato, di manifestare la propria religione o convinzione nell’insegnamento, nella pratica, nel culto e nell’osservanza. Lo stesso diritto è riaffermato nell’articolo 9 della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo (link is external).

La violenza contro la libertà di credo e di religione

Questo diritto è inequivocabilmente fondamentale per tutti gli esseri umani. Tuttavia, per tutto il tempo fino al presente, abbiamo assistito a ingiustizie e atti di violenza commessi ad altri sulla base della loro religione, credo o ateismo. “A ogni persona, indipendentemente dal luogo in cui vive, dovrebbe essere garantito il diritto di avere, di non avere, di scegliere o cambiare, di praticare e manifestare una religione o un credo e di essere esente da discriminazioni” ha dichiarato l’alto rappresentante dell’UE Josep Borrell, su la Giornata internazionale per la commemorazione delle vittime di atti di violenza basati sulla religione o sul credo. La pandemia globale ha avuto un impatto sul pieno godimento del diritto alla libertà di riunione pacifica e alla libertà di religione o credo. Ad esempio, le manifestazioni pubbliche di libertà di religione o credo sono diventate più difficili a causa di problemi di salute pubblica in tutto il mondo.


Libertà di religione per il cattolicesimo in UK


La condanna della Comunità Europea

L’UE ha condannato in particolare l’inasprimento della discriminazione, l’incitamento all’odio, i crimini ispirati dall’odio e l’ingiusta accusa delle minoranze religiose durante la diffusione della pandemia. Questo non è accettabile e l’UE si è espressa a riguardo. L’UE ha costantemente sollevato preoccupazioni in merito alle violazioni della libertà di religione o di credo nei dialoghi politici con i paesi partner. In questo giorno l’AR/VP dell’UE Josep Borrell, a nome dell’UE, riafferma che “la libertà di religione o di credo e la libertà di espressione sono diritti interdipendenti, interconnessi e che si rafforzano a vicenda”. È chiaro per l’UE che la promozione della libertà di religione o di credo non può essere un pretesto per giustificare le violazioni dei diritti umani, comprese quelle che colpiscono donne e ragazze, persone appartenenti a minoranze religiose o non credenti e persone basate sul loro orientamento sessuale o identità di genere.

Insieme possiamo ottenere di più

Josep Borrell ha dichiarato: “Combattere in modo imparziale, tutte le forme di intolleranza religiosa, stigmatizzazione, discriminazione, incitamento alla violenza e violenza contro persone basate sulla religione o sul credo deve essere una priorità per tutti gli Stati e la comunità internazionale“. L’impegno dell’UE a tutelare e promuovere la libertà di religione o di credo è ancorato al multilateralismo e in particolare al suo impegno nelle sedi delle Nazioni Unite per i diritti umani e nelle iniziative guidate dalle Nazioni Unite e si basa sui principi di uguaglianza, non discriminazione e universalità. Quest’anno celebriamo il 40° anniversario della Dichiarazione delle Nazioni Unite sull’eliminazione di tutte le forme di intolleranza e di discriminazione basata sulla religione o sul credo. Josep Borrell coglie l’occasione per sottolineare che l’UE riafferma che “nessuno sarà soggetto a coercizione che pregiudicherebbe la sua libertà di avere una religione o un credo di sua scelta“.

Azioni con un impatto immediato

Il lavoro dell’UE su questo tema può essere visto anche nel sostegno di progetti concreti sul campo. Nel 2020, l’UE ha iniziato a svolgere il suo progetto “Scambio globale sulla religione nella società”. Fornisce una piattaforma in cui gli attori religiosi o basati sulla fede e altri attori della società civile possono connettersi, consentendo loro di lavorare insieme per preservare le proprie società come luoghi inclusivi e rispettosi per tutti, dove la cittadinanza condivisa è alla base di una società veramente inclusiva e resiliente. Inoltre, l’UE continua a finanziare tre progetti regionali in Medio Oriente e in Africa con oltre 5 milioni di EUR dal 2018 al 2022. I progetti mirano a migliorare il pluralismo culturale e la comprensione interculturale legati alla religione o al credo. Comprendere il ruolo della religione e del credo supporta la comprensione delle diverse visioni del mondo ed è fondamentale per costruire società pacifiche e inclusive, resistenti ai conflitti. In questo giorno, l’UE è solidale con tutte le vittime di persecuzione e riafferma il suo impegno a combattere la violazione di questo diritto all’interno e all’esterno dell’UE.