L’Expo 2020 Dubai: Santiago Calatrava, svela i padiglioni

0
1009

Per l’Expo 2020 Dubai, Santiago Calatrava annuncia il completamento dei padiglioni degli Emirati Arabi Uniti e il padiglione del Qatar.

All’Expo 2020 Dubai, come sono i padiglioni?

Originariamente previsto per il 2020, l’evento internazionale, rinviato di un anno a causa della pandemia di coronavirus. Finalmente l’attesissima esposizione mondiale si è aperta il 1 ottobre, e durerà per sei mesi fino alla fine di marzo 2022. “Siamo onorati di svelare sia il padiglione degli Emirati Arabi Uniti che il padiglione del Qatar all’Expo di Dubai 2020”, ha  affermato Santiago Calatrava. “Distinto nel design e nell’esperienza, il padiglione degli Emirati Arabi Uniti emula un falco in volo, mentre il padiglione del qatar rende omaggio allo stemma del qatar, entrambi radicati nella loro ricca storia e nel loro patrimonio culturale”.

Il progetto dell’Expo 2020 Dubai è di Santiago Calatrava

Calatrava è nato nei pressi di Valencia, dove ha frequentato la Scuola di Arti e Mestieri e la Scuola di Architettura. Lo stile di Calatrava combina la concezione visuale dell’architettura all’interazione con i principi dell’ingegneria. I suoi lavori spesso sono ispirati alle forme ed alle strutture che si trovano in natura. Il padiglione degli Emirati Arabi Uniti progettato da Calatrava è al centro della scena nel cuore del sito espositivo di Dubai con un design descritto come “un’interpretazione simbolica del flusso di movimento”. L’Edificio alto 27,8 metri è sormontato da un massiccio tetto mobile composto da 28 “ali”, che possono aprirsi completamente in tre minuti, posizionandosi ovunque tra 110 e 125 gradi.

Il padiglione a l’Expo 2020 Dubai

All’interno, i visitatori sono immersi in atmosfere spaziali pulite, futuristiche, ma dalla forma organica. Lo spazio principale è coronato da un lucernario oculus che rispecchia la forma del logo di Expo 2020. Mentre un auditorium sfaccettato a forma di sfera al centro funge sia da centro visivo che da spazio funzionale con una capacità di 200 persone. Oltre a creare spazi dinamici, Calatrava ha anche dato la priorità alla sostenibilità incorporando elementi che sono efficienti dal punto di vista energetico. Riducono il consumo di acqua e ottimizzano la qualità dell’aria interna. L’Ultimo padiglione degli Emirati Arabi Uniti è certificato Platino Leed ed è conforme ai regolamenti e alle specifiche della bioedilizia di Dubai (DGBR).

L’Architettura del padiglione degli Emirati Arabi Uniti

Nella materialità, il team di progettazione ha cercato di integrare materiali regionali e specie vegetali autoctone. L’Edificio è circondato da aree paesaggistiche con oltre 5.600 piante di 12 specie diverse. Di cui 2.350 considerate di importanza culturale per gli Emirati Arabi Uniti. Nonché oltre 80 alberi, con circa 45 alberi di importanza culturale per gli Emirati Arabi Uniti. “Siamo entusiasti di svelare al pubblico il padiglione degli Emirati Arabi Uniti e il padiglione del Qatar. La visione dietro entrambe le strutture rappresenta gli Emirati Arabi Uniti e il Qatar. Ogni progetto trae ispirazione dal tessuto urbano da cui sorge, per fungere da estensione del rispettivo paese”, ha affermato Micael Calatrava, CEO di Calatrava International.

L’Expo 2020 Dubai: cose da non perdere!

Il padiglione del Qatar a l’Expo 2020 Dubai

Calatrava rivela anche l’ultimo padiglione del Qatar all’Expo 2020 di Dubai, ha la forma affilata e ampia e fa riferimento allo stemma del Qatar. Presenta due spade incrociate e curve, che circondano un dhow e un’isola con palme. Il design combina e traduce questi elementi culturali per catturare movimento, mobilità, forza e tradizione. Occupa un’area di circa 960 mq e ospita un’area costruita totale di circa 620 mq. La struttura intersecante dell’edificio principale sale a quasi 15 metri di altezza, con un monumento scultoreo adiacente che si eleva per 20 metri. L’Interno comprende due gallerie principali e spazi espositivi che guidano i visitatori attraverso un’esperienza sul passato, presente e futuro del Qatar.

Il padiglione del Qatar ha richiesto solo cinque mesi

Il padiglione è realizzato in soli cinque mesi grazie a una metodologia di progettazione non lineare e non tradizionale e a una strategia di progettazione integrata e costruzione accelerata adottata dal team di progetto di Santiago Calatrava in collaborazione con l’appaltatore principale, Alec Fitout, ingegnere del progetto. Aurecon e Omnium, i responsabili dei contratti del progetto.