Lettere del Gairsoppa: un messaggio d’amore a Iris

Recuperata, con un procedimento specifico, una missiva inviata da un soldato alla sua donna. I frammenti della corrispondenza rimessi insieme per leggere il testo

0
426
Lettere del Gairsoppa
La missiva indirizzata a Iris

Sono passati 80 anni dal naufragio, ma le lettere del Gairsoppa riportano alla memoria tante storie del periodo bellico. I conservatori del Postal museum di Londra hanno riunito i frammenti di una missiva d’amore indirizzata ad Iris. Uno scritto che un soldato in missione dal Pakistan nella Seconda guerra mondiale ha inviato alla sua donna.


Il naufragio della London Valour davanti a Genova


Di cosa parlano le lettere del Gairsoppa?

Sono testimonianze delle vite di persone comuni che affrontavano le difficoltà della guerra. Nel cargo postale affondato il 16 febbraio 1941 c’erano 700 missive, cartoline d’auguri e corrispondenza d’affari. Da India, Norvegia e Svezia le lettere dovevano arrivare in America e Gran Bretagna. Pam e Micheal sono i destinatari delle comunicazioni del maggiore Wilson datate 1 dicembre 1940. I figli vivevano all’Hotel Inglewood a Torquay in Inghilterra a causa dell’evacuazione dei civili durante il conflitto. Alla ragazza il padre scrive di fare del suo meglio, mentre al giovane manda alcuni francobolli dal mondo. Inoltre, è felice di sapere che abbia deciso di entrare nel club degli Scout e dei suoi miglioramenti nell’ortografia.

Il naufragio del Gairsoppa

Il mercantile SS Garsoppa è partito da Calcutta il 5 dicembre 1940 e il 14 febbraio ha cambiato rotta per fare rifornimento. Il 16 un sottomarino tedesco ha sganciato un missile che ha affondato il cargo. Così la nave è finita in fondo al mare, a una profondità di 4.700 metri, mezzo miglio in più del Titanic. Erano 86 gli uomini dell’equipaggio, ma soltanto uno si è salvato, l’ufficiale Richard Ayres. Trasportava 110 tonnellate d’oro e 2.817 lingotti d’argento, un considerevole quantitativo di tè e corrispondenza. Nel 2011 una società statunitense ha recuperato il relitto e il carico.

Il recupero della lettera a Iris

Parte della corrispondenza nella stiva si è conservata perché al riparo da luce, calore e in ambiente anaerobico. Dopo il recupero, alcuni esperti hanno trattato i materiali per permetterne la conservazione. Per evitare di perdere le lettere hanno prima utilizzato acqua e poi un’asciugatura a freddo. Senza questo procedimento infatti, la carta si sarebbe disintegrata. I conservatori del Postal museum di Londra hanno quindi rimesso insieme i frammenti della lettera destinata a Iris. C’è anche un pezzo della busta con francobollo e timbro.

Lettere del Gairsoppa, il messaggio del soldato

Il testo è affettuoso e lascia intendere una relazione tra un militare e una donna lontana. L’anelito alla fine della guerra e il messaggio passionale rendono la missiva intensa e commovente.
Il soldato scrive così. “Abbi cura di te, mia cara, non solo per il tuo bene, ma anche per il mio. Immagina le mie labbra che si chiudono fortemente sulle tue, mentre sei intrecciata tra le mie braccia… Spero che questa sanguinosa guerra finisca presto”.
La mostra del 2018 “Voices from the deep” allestita al Postal museum ha presentato alcune lettere del SS Gairsoppa. In esposizione anche gli oggetti trovati sul mercantile. Il centro culturale sta lavorando alla digitalizzazione di posta e documenti provenienti dal relitto.