L’esercizio fisico può aiutare di più ad essere sani della dieta

0
301
esercizio fisico

L’Esercizio fisico è più importante per la longevità rispetto alla perdita di peso. Gli esperti della salute confermano che le persone possano essere assolutamente in forma anche se l’indice di massa corporea è  imperfetto, purché facciano movimento.

La ricerca suggerisce, l’esercizio fisico?

Una recente revisione scientifica ha dimostrato che il benessere e la longevità complessivi non possono essere previsti da un numero su una scala e che l’esercizio è più importante della perdita di peso quando si tratta di salute del cuore e di vivere una lunga vita “Vorremmo che le persone sapessero che una persona può essere in forma anche se il corpo è un po’ sovrappeso”, ha affermato in una dichiarazione il ricercatore dello studio Glenn Gaesser, del College of Health Solutions dell’Arizona State University. Il team dietro la nuova revisione ha puntato la propria ricerca su un problema evidente: l’obesità. È cresciuta in modo significativo negli Stati Uniti e nel mondo negli ultimi decenni, così come il numero di persone che muoiono per condizioni come le malattie cardiache che sono spesso strettamente legate alla dieta e esercizio.

Perché è utile concentrarsi sull’esercizio fisico?

Qualunque cosa stiamo facendo collettivamente in questo momento non funziona e non rende necessariamente le persone più sane. Dagli anni ’80, almeno il 40% delle donne in questo paese e il 25% degli uomini seguono una dieta per perdere peso. I ricercatori hanno analizzato centinaia di studi che esaminano come la perdita di peso, l’esercizio fisico e la longevità si integrano, concentrandosi in particolare sulla ricerca che ha esaminato i risultati sulla salute nelle persone considerate in sovrappeso o obese. I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie considerano un BMI compreso tra 25 e 30 come sovrappeso; qualsiasi cosa oltre i 30 è obeso o gravemente obeso. Le prove mostrano che l’essere attivi supera la perdita di peso quando si tratta di migliorare la salute del cuore e ridurre il rischio complessivo di mortalità.

Il potere dell’esercizio fisico

In gergo medico, il concetto di “essere in forma e grasso” è spesso indicato come obesità metabolicamente sana , o MHO. Quindi, puoi essere in sovrappeso in base al tuo BMI, ma non avere fattori di rischio di malattie cardiovascolari, come l’ipertensione o il colesterolo. Precedenti studi hanno suggerito che le persone in sovrappeso non hanno maggiori probabilità di avere un infarto o un ictus rispetto a quelle che non lo sono. Ma le persone che hanno bassi livelli di attività lo sono, anche se non tutte le ricerche sull’argomento sono arrivate alla stessa conclusione .

Cosa si intende per: esercizio fisico

Aumentare l’attività non significa necessariamente fare lunghe corse o sollevare pesi. Il CDC raccomanda che gli adulti abbiano bisogno di 150 minuti di attività aerobica di intensità moderata a settimana. Con almeno due giorni a settimana di attività di rafforzamento muscolare. Ad esempio, camminare a passo svelto o spingere un tosaerba conta come esercizio aerobico. Il giardinaggio o lo yoga contano assolutamente come esercizi di rafforzamento, secondo il CDC.”È anche importante notare che ognuno risponde in modo diverso a specifici tipi di esercizio”, ha detto a HuffPost Hemalee Patel, medico presso l’ambulatorio di cure primarie One Medical. “Una persona può rispondere meglio agli allenamenti in base alla propria funzione respiratoria cardiovascolare, mentre un altro potrebbe rispondere meglio al ciclismo o alla corsa. Quindi, sì, qualcuno considerato “sovrappeso” può essere in forma”.

10 miti sull’esercizio fisico!

Il benessere generale quanto l’esercizio fisico

Alla fine, tutto ciò sta portando a una comprensione più ampia che molti fattori concorrono a una vita lunga e sana. È basato sull’evidenza. Ora c’è una ricerca scientifica che lo afferma chiaramente. “Non siamo necessariamente contrari alla perdita di peso”, ha detto Gaesser. “Pensiamo solo che non dovrebbe essere il criterio principale per giudicare il successo di un programma di intervento sullo stile di vita”.