L’economia britannica cresce dello 0,4% quando le aziende si sono preparate per l’allentamento del blocco

0
184

L’economia britannica è cresciuta dello 0,4% a febbraio da gennaio mentre le aziende si preparavano alla revoca di un terzo blocco del coronavirus, secondo i dati ufficiali che hanno mostrato anche una parziale ripresa degli scambi post Brexit con l’Unione Europea.

Gli economisti intervistati da Reuters si aspettavano una crescita dello 0,6%. Tuttavia, i dati hanno anche mostrato che il calo del prodotto interno lordo a gennaio non è stato così grave come stimato in precedenza, in calo del 2,2% rispetto alla lettura iniziale di un calo del 2,9%.

L’economia britannica è diminuita di quasi il 10% lo scorso anno, il suo più grande crollo in più di tre secoli e un calo più grave rispetto alla maggior parte delle economie europee, poiché il paese è stato colpito dalla pandemia di coronavirus.

I dati di martedì hanno mostrato che il PIL è rimasto del 7,8% al di sotto del livello di un anno prima, poco prima che la pandemia colpisse l’Europa, ed era inferiore del 3,1% rispetto al livello di ottobre, prima che i due ultimi blocchi avessero martellato l’enorme settore dei servizi britannico.

Tuttavia, una rapida introduzione dei vaccini COVID-19 ha aumentato la prospettiva di un rimbalzo quest’anno e nel 2022.

I negozi non essenziali e i luoghi di ospitalità all’aperto sono stati riaperti lunedì e il primo ministro Boris Johnson spera di allentare la maggior parte delle restrizioni sul coronavirus prima della fine di giugno.

“Mentre il Regno Unito è ancora sulla buona strada per una modesta contrazione del PIL nel primo trimestre, gli investitori guardano sempre più all’imminente ripresa della crescita economica piuttosto che soffermarsi sul dato trimestrale negativo”, Dean Turner, economista di UBS Global Wealth Management , disse.

La crescita di febbraio è stata aiutata da un primo aumento della produzione industriale da novembre, guidato dalla produzione di automobili dopo due mesi di contrazione quando l’industria ha lottato con una carenza globale di microchip.

Grossisti e dettaglianti hanno registrato una ripresa delle vendite che ha aiutato il settore dei servizi a crescere dello 0,2%.

Ci sono stati segnali di una ripresa parziale degli scambi commerciali tra Gran Bretagna e Unione Europea a febbraio, dopo il successo di gennaio, il primo mese di una nuova relazione commerciale post-Brexit.

Le esportazioni di beni britannici verso l’UE, esclusi l’oro non monetario e i metalli preziosi, erano del 41,4% al di sotto dei livelli di un anno fa a gennaio, ma si sono parzialmente ripresi al 12,5% rispetto ai livelli di un anno fa a febbraio. Le importazioni, che sono scese del 19,2% sui livelli di un anno fa a gennaio, sono state dell’11,5% al ​​di sotto dei livelli di un anno fa a febbraio.

I volumi degli scambi tra la Gran Bretagna e l’Unione europea sono aumentati alla fine del 2020, poiché le imprese hanno accumulato merci in previsione dei ritardi alle frontiere nel 2021.

“Nonostante l’evidenza di una ripresa parziale dal sostanziale calo di gennaio di alcune materie prime, è ancora troppo presto per determinare in che misura le variazioni mensili degli scambi di gennaio e febbraio possano essere direttamente attribuite alla fine del periodo di transizione”, l’ONS disse.

Commenti