Leader di Hezbollah contro il presidente francese Macron

Il Segretario generale di Hezbollah, Hassan Nasrallah, ha affermato che il gruppo non accetta che Macron si comporti come il governatore del Libano

0
164
Leader di Hezbollah

Dopo le dure dichiarazioni del presidente francese Emmanuel Macron nei confronti della classe politica libanese, il leader di Hezbollah accusa Macron di comportassi come se fosse “il governatore” del Libano. Inoltre afferma che ha accolto favorevolmente l’iniziativa francese per aiutare il Libano, tuttavia non accetta che si trasformi in un mandato.

Leader di Hezbollah contro Macron

Dopo l’esplosione al porto di Beirut che ha devastato l’intera città la crisi politica in Libano è peggiorata.

La popolazione è scesa in piazza per chiede le dimissioni dell’intero governo ritenuto responsabile di tutti i problemi che affliggono il Libano. Così dopo molte manifestazioni all’inizio di settembre il presidente libanese Aoun ha deciso di far dimettere l’intero governo.

Moustapha Adib viene scelto come nuovo Primo Ministro, anche sotto consiglio del governo francese, per formare un nuovo governo capace di mettere in atto le riforme necessarie al paese.

Tuttavia, Adib ha deciso di dimettersi a causa dell’incapacità di formare un nuovo governo. Il presidente francese Macron ha così accusato la classe politica libanese di tradimento collettivo. In particolare ha puntato il dito contro i partiti sciiti di Hezbollah e Amal.

Infatti, sembra che i negoziati per un nuovo governo siano falliti a causa di Hezbollah che ha rimproverato Adib di non aver discusso con nessun blocco parlamentare e neanche con il capo dello Stato. Inoltre il leader di Hezbollah, Hassan Nasrallah, ha criticato il fatto che, nonostante il suo partito era disposto a fare delle concessioni per la nomina dei ministri del gabinetto, le decisioni sui ministri sono state prese dal club degli ex primi ministri sunniti.


Macron – mi vergogno per i leader libanesi


Nasrallah: “Macron si comporta come il ‘governatore’ del Libano”

Dopo le dure parole del presidente francese, Nasrallah ha accusato Macron di comportarsi come se fosse il “Governatore” del Libano.

Il leader di Hezbollah ha dichiarato di continuare a sostenere l’iniziativa francese di formare un governo in Libano il prima possibile al fine di ottenere gli aiuti internazionale, tuttavia chiede un cambiamento nel modus operandi.

Ha infatti detto: “Accogliamo sempre con favore l’iniziativa francese, ma le intimidazioni dell’ultimo mese non devono continuare. Ci rifiutiamo che il presidente Emmanuel Macron si comporti come il governatore del Libano”. Ha poi aggiunto: “Non accettiamo l’accusa di Macron di tradimento. Rispingiamo e condanniamo questo comportamento. Abbiamo accolto favorevolmente l’iniziativa francese, ma non accettiamo che si trasformi in un mandato”.

Nasrallah ha poi respinto con forza le accuse di tradimento e corruzione lanciate da Macron.

Macron aveva infatti detto: “Hezbollah non può essere allo stesso tempo un esercito in guerra con Israele, una milizia contro i civili in Siria e un partito rispettabile in Libano. Hezbollah ha istituito un sistema di terrore”.

Il leader di Hezbollah ha quindi replicato dicendo: “Il presidente Macron ci accusa di voler terrorizzare le persone. Tuttavia è lui che usa una politica del terrore sui leader dei partiti in Libano in modo tale che si formi un governo“.

Commenti