Le truppe siriane entrano in guerra contro la Turchia a fianco dei Curdi

0
543
guerra in siria

Le truppe siriane hanno iniziato a muoversi nei territori curdi in rotta di collisione con le forze turche e i loro alleati, il giorno dopo che i curdi assediati avevano accettato di consegnare le città chiave a Damasco in cambio di protezione.

L’accordo, che i leader curdi hanno sottolineato di aver fatto con riluttanza dopo cinque giorni di implacabili bombardamenti da parte dell’artiglieria e dei jet turchi, minaccia di aprire un nuovo fronte nella guerra civile della Siria e segnala la probabile fine degli schieramenti militari statunitensi ed europei nel nord-est del paese.

Durante la notte ci sono state molte notizie e questa mattina i soldati siriani sono entrati nelle città di Manbij e Kobane detenute dai curdi.

Leggi anche
La Francia sospende la vendita di armi alla Turchia
Israele pronto ad aiutare i curdi siriani

L’esercito siriano ha dichiarato in una nota che le sue truppe hanno raggiunto Tel Tamr, una città a circa 12 miglia dal confine turco.

Ci sono state notizie non confermate che le truppe siriane si siano scontrate durante la notte con i combattenti curdi nella città di Qamishli, che non si è arresa a Damasco nell’accordo mediato dalla Russia di domenica.

I combattenti turchi e i loro alleati continuavano ad attaccare Tel Abyad e Ras al-Ayn, due città che sono state al centro della missione di Ankara di spingere i combattenti curdi – che considera terroristi – lontano dal confine meridionale e creare una zona cuscinetto dove dice che ripristinerà almeno 1 milione di rifugiati siriani.

La prospettiva di combattere tra le truppe siriane e i soldati turchi e i loro alleati ha sollevato profonde preoccupazioni per la sicurezza dei circa 11.000 combattenti dello Stato islamico e delle loro famiglie che sono detenuti in tutta la regione.

Domenica, oltre 700 persone con legami con il gruppo terroristico sono fuggite dai campi di detenzione della zona.

Commenti