Le truppe indiane in Kashmir uccidono cinque militanti

0
271

Le forze di sicurezza indiane hanno ucciso almeno cinque militanti nel Kashmir governato dall’India. Secondo i funzionari a causa delle azioni delle truppe indiane in Kashmir centinaia di indù stanno fuggendo dalla regione contesa a maggioranza musulmana.

Chi hanno ucciso le truppe indiane in Kashmir?

Tre indù e un sikh sono stati uccisi da sospetti militanti in Kashmir la scorsa settimana, provocando un giro di vite della polizia su quello che hanno detto essere il bersaglio delle minoranze religiose. Almeno cinque soldati indiani e due militanti sono stati uccisi ieri lunedì 11 ottobre in una serie di scontri a fuoco nel Kashmir, vicino alla regione di Jammu, che insieme comprende un territorio amministrato dal governo federale. La regione himalayana è rivendicata per intero ma governata solo in parte dai vicini armati di armi nucleari India e Pakistan a maggioranza musulmana.

Gli incidenti di oggi

Oggi 12 ottobre in due diversi scontri a fuoco nel Kashmir meridionale, le truppe hanno ucciso cinque sospetti militanti, tra cui uno collegato all’uccisione di un indù nella città principale della regione di Srinagar. Il capo della polizia della valle del Kashmir, Vijay Kumar, ha affermato che i cinque provenivano dal Fronte della Resistenza (TRF), che le autorità indiane ritengono sia sostenuto dal Pakistan. Islamabad nega l’accusa di sostenere l’insurrezione in Kashmir, affermando che fornisce solo supporto diplomatico e morale al popolo del Kashmir.

La fuga degli indù

La violenza ha cacciato dalla valle centinaia di indù del Kashmir, compresi alcuni dei 4.000 che sono tornati sotto uno schema del governo federale dopo un esodo negli anni ’90. Sanjay Tickoo, un leader della comunità indù con sede a Srinagar, ha affermato che più di 1.700 persone se ne sono andate. “Non torneremo indietro… a meno che la situazione non si normalizzi“, ha detto un indù del Kashmir impiegato dal governo durante una protesta a Jammu, rifiutando di essere identificato.