Le tisane: che aiutano dopo i pranzi e i cenoni

0
279

Le tisane danno una mano all’organismo a smaltire gli effetti degli eccessi a tavola e contrastano gonfiore e malesseri legati agli stravizi alimentari. Ecco quali e come utilizzarle.

Le tisane: dopo i giorni di festa

Sentirsi appesantiti e persino più stanchi è abbastanza frequente. Pranzi e cenoni all’insegna di piatti ricchi di grassi e zuccheri e bevande alcoliche costringono gli organi a un super lavoro sia a livello digestivo sia per quanto riguarda lo smaltimento di tossine e sostanze di scarto. “Per combattere la sensazione di pesantezza può essere utile da una parte riequilibrare l’alimentazione nei giorni successivi con una dieta depurativa. E ricorrere anche alle tisane a base di alcune erbe e piante”, dice la nutrizionista Valentina Schirò, specializzata in scienza dell’alimentazione.

Prepararle le tisane è molto semplice

Basta aggiungerne un cucchiaio raso in una tazza di acqua bollente e lasciarle in infusione per circa 7-8 minuti prima di berle. “Hanno innanzitutto un’azione diuretica: stimolano la diuresi e di conseguenza l’espulsione delle scorie attraverso la maggiore produzione di urina. Apportano poi in base al tipo benefici differenti”, dice l’esperta.

Ogni pianta, erba, frutto, ha delle proprietà

Possono dare giovamento per alcuni aspetti, ma possono avere anche delle controindicazioni. Per questo è importante scegliere con cura il proprio infuso, in modo da andare ad agire su quelli che sono gli aspetti del proprio fisico e corpo, senza però intaccarne altri. Il momento migliore per una tisana è dopo il pasto.

Le tisane: ricetta dopo la festività

Questa tisana è perfetta, prevede ingredienti naturali ed è anche gradevole da bere. Gli ingredienti sono:
700 ml di acqua, 1 ciuffo di finocchietto fresco oppure di semi di finocchietto,
1 cucchiaino di cannella in polvere, 1 limone biologico, 4 cucchiaini di miele.

Preparazione:

Per la tisana digestiva per sgonfiarsi dopo pasto prendiamo l’acqua e mettiamola in un pentolino. Uniamo la scorza di mezzo limone, il finocchietto fresco oppure in semi e la cannella.
Facciamo bollire per 5 minuti poi spegniamo e lasciamo riposare per 20 minuti. Filtriamo la tisana ed uniamo il miele mescoliamo poi fino a che questo non si scioglie completamente.
Serviamo la tisana in tazze accompagnate da una fettina di limone. Serviamola e gustiamola. Questa bevanda e’ totalmente naturale, facile da preparare e perfetta anche come bevanda fresca da conservare in frigo in una bottiglia.

Le tisane che aiutano: la Pilosella

Arrosti, formaggi, salumi ma anche fritti, noccioline salate e tanti altri cibi tipici della tavola delle feste possono favorire un accumulo di liquidi in eccesso e favorire gonfiore e pesantezza. Un consumo eccessivo di sale oltre a essere dannoso per la linea e per la salute, favorisce la ritenzione.

Per combattere il gonfiore

Può essere d’aiuto la pilosella, per favorire il drenaggio di liquidi “Questa pianta, appartenente alla famiglia delle Asteracee, ha eccellenti proprietà drenanti. Contribuisce a contrastare gli accumuli di acqua nei tessuti e a ridurre la sensazione di pesantezza e gonfiore. Il merito è di mucillagini, tannini e di tante altre sostanze che grazie alla loro azione antinfiammatoria e antiossidante facilitano l’eliminazione dei ristagni”.

Depurarsi dopo le feste: iniziare subito per non restare indietro

Il Cardo mariano per disintossicare il fegato

Originaria del Mediterraneo, il cardo mariano è una pianta ricca di principi attivi utili per contrastare il senso di pesantezza. “Apporta attusilibina, silicristina e silidianina che insieme ai flavonoidi sono sostanze epatoprotettive: difendono la salute del fegato, uno degli organi coinvolti nell’eliminazione di scorie e tossine che nel periodo delle feste natalizie fa un super lavoro per smaltire fritti, alcol e cibi ricchi di grassi e zuccheri”, spiega la nutrizionista Valentina Schirò. “Per facilitare il lavoro epatico e contrastare la sensazione di pesantezza e sonnolenza che possono sopraggiungere dopo pasti abbondanti basta consumarlo sotto forma di tisana: una tazza dopo pranzo e cena”.

Le tisane: il rosmarino per la digestione e il metabolismo

“Il rosmarino è ricco di tannini e acidi fenolici e polifenolici tra cui l’acido rosmarinico, tutte sostanze che aiutano a contrastare la sensazione di digestione lenta e di gonfiore”, spiega l’esperta. “Assunto come tisana poco prima dei pasti, stimola i processi digestivi e metabolici e grazie alle sue proprietà toniche aiuta anche a contrastare i postumi di pranzi e cenoni come sensazione di cerchio alla testa e stanchezza”.