Le tensioni in Siria sono in continuo aumento

Le tensioni in Siria sembrano aumentare a Nord e a Sud della regione con mobilitazioni da parte degli americani

0
655
tensioni in Siria

Le tensioni in Siria sono in aumento sia a Nord che a Sud del paese. Le truppe americane stanno pattugliando l’area del Nord-Est per cercare di fermare la Turchia. Intanto, anche a Sud del paese la situazione non è delle migliori.

In che cosa consistono le tensioni in Siria?

L’Osservatorio siriano per i diritti umani ha rilevato un aumento nei movimenti delle truppe americane. I soldati statunitensi hanno portato con se’ veicoli blindati e carri armati. Questi rinforzi militari sono giunti alla base di Al-Malikiyah, nelle campagne di Hasaka. infatti, la base si trova al confine siriano-turco, dove ci si aspetta un intervento militare della Turchia. Inoltre, sempre secondo l’Osservatorio, dal 23 dicembre al 23 gennaio le truppe americane hanno portato con se’ 240 camion con attrezzature militari. I veicoli sono entrati dalla regione del Kurdistan in 7 lotti.

I significati del pattugliamento americano

Il 26 gennaio, le truppe americane hanno condotto un pattugliamento nella periferia orientale di Deir Ezzor. Con loro si trovavano le Syrian Democratic Forces (SDF). La causa di questo pattugliamento potrebbe essere trovata nelle recenti tensioni che hanno coinvolto la cittadina di al-Suwar. Questa è stata avvolta da scontri tra clan locali. Nel mezzo di queste tensioni, si sono visti aerei delle forze alleate di al-Assad sorvolare la regione di Daara. Si tratta del primo avvistamento dal 2018. In questa zona del Sud, da giorni si cerca una soluzione pacifica contro i ribelli locali. Questi, dovrebbero andare al Nord della Siria, ma i colloqui non sembrano raggiungere alcun risultato.

Le tensioni in Siria potrebbero esplodere

Per ora, le tensioni elencate sembrano inquadrate in un’atmosfera di apparente “calma”. Tuttavia, per scoprire come evolveranno le cose dobbiamo attendere fino al 28 gennaio. Quel giorno infatti, le forze di Quarta Divisione dovrebbero consegnare 8 ex-combattenti dei gruppi armati locali. Queste tensioni potrebbero aggiungere un ulteriore problema da affrontare per il neo-eletto Presidente Joe Biden.


Attacchi mirati israeliani in Siria, Libano e Palestina