Le società finanziarie pianificano la chiusura delle centrali a carbone in Asia

0
301
carbone
Aerial photo of coal fired power station Niederaussem near Bergheim in the Rhenish lignite mining area. Steam coming out of cooling towers. Power Station is owned by RWE Power AG. Luftaufnahme des Braunkohlekraftwerks Niederaussem, ein von der RWE Power AG mit Braunkohle betriebenes Grundlastkraftwerk in Bergheim-Niederaussem, im Rheinischen Braunkohlerevier. Dampf steigt aus Kuehltuermen auf.

Alcune delle più grandi istituzioni finanziarie del mondo stanno lavorando su un piano per accelerare la chiusura delle centrali a carbone in Asia.L’iniziativa è stata sviluppata dall’assicuratore britannico Prudential, è guidata dalla Banca Asiatica di Sviluppo (ADB), e include le principali banche HSBC e Citi. L’ADB spera che il piano sia pronto per la conferenza sul clima COP26, che si terrà in Scozia a novembre. Il piano mira ad affrontare la più grande fonte umana di emissioni di carbonio.

Chi ha fatto partire l’iniziativa per la chiusura delle centrali a carbone?

Don Kanak, il presidente di Prudential Insurance Growth Markets, che ha sviluppato l’iniziativa, ha detto: “Il mondo non può assolutamente raggiungere gli obiettivi climatici di Parigi. A meno che non acceleriamo il pensionamento e la sostituzione dell’attuale elettricità alimentata a carbone. Aprendo uno spazio molto più ampio nel breve termine per le energie rinnovabili e lo stoccaggio. Questo è particolarmente vero in Asia, dove le flotte di carbone esistenti sono grandi e giovani e altrimenti funzioneranno per decenni“.

Come funziona il piano per la chiusura delle centrali a carbone in Asia?

Secondo la proposta i partenariati pubblico-privati compreranno impianti a carbone e li chiuderanno molto prima della loro abituale durata di vita operativa. “Acquistando una centrale a carbone con, diciamo, 50 anni di vita operativa davanti a sé e spegnendola entro 15 anni, possiamo tagliare fino a 35 anni di emissioni di carbonio“. Questo ha detto Ahmed M Saeed, vicepresidente dell’ADB per l’Asia orientale, il sud-est asiatico e il Pacifico. L’ADB spera di lanciare un programma pilota in una nazione in via di sviluppo del sud-est asiatico. Potenzialmente Indonesia, Filippine o Vietnam. E di farlo in tempo per l’evento COP26 a novembre.


Polonia – Chiusura delle miniere di carbone è inevitabile


I punti ancora poco chiari del piano

Una caratteristica chiave dell’iniziativa è che mira a raccogliere il denaro per gli acquisti ben al di sotto del costo normale, dando rendimenti più bassi del solito agli investitori. Gli aspetti del piano che devono ancora essere finalizzati includono il modo in cui i proprietari delle centrali a carbone possono essere convinti a venderle, cosa fare con le centrali dopo che sono state chiuse, e quale ruolo potrebbero avere i crediti di carbonio. Il piano arriva mentre le banche commerciali e di sviluppo e altri grandi investitori sono diventati sempre più riluttanti a sostenere nuove centrali elettriche a combustibile fossile mentre si sforzano di soddisfare gli obiettivi climatici.