Le serie tv di successo influenzano la società?

0
578

Il 2020 ha inevitabilmente modificato molti aspetti delle nostre vite. Oltre a cambiare il modo in cui lavoriamo e ci relazioniamo, ha modificato anche il nostro modo di intrattenerci. L’anno appena trascorso ha infatti visto un sostanzioso incremento del ricorso allo streaming. La piattaforma di analisi Conviva ha rivelato come il tempo di utilizzo dello streaming sia aumentato del 63% rispetto al 2019. Un dato di questa portata genera automaticamente molte domande, in primis che impatto abbiano le serie tv su di noi e sulla società odierna e come e quanto il loro consumo ci influenzi. A rispondere a queste domande, dati alla mano, ci ha pensato il casinò online di Betway, che ha analizzato tre serie tv di gran successo, come Emily in Paris, La regina degli scacchi e The Crown.

Cosa dicono gli esperti?

Secondo la psicologa clinica dell’Unesp, Deborah Perez, le produzioni audiovisive non solo ci influenzano, ma ci aiutano a modellare la nostra personalità: “L’uomo è quello che è nel suo stare al mondo: agire, produrre, consumare, avere rapporti… in tal modo, esiste influenza diretta del prodotto mediatico sulla nostra soggettività”. Per questo dopo aver seguito una serie tendiamo a riprodurre alcune caratteristiche dei personaggi: “L’imitazione succede in modo naturale, l’uomo è gregario. Ciò significa che siamo naturalmente sociali ed abbiamo bisogno dell’altro per conoscer noi stessi, per identificare in cosa siamo simili o diversi. Tutto questo meccanismo che nasce dai prodotti mediatici funziona come un’ancora per la conoscenza di se stessi”.

Le ricerche effettuate dagli utenti su Google permettono inoltre di osservare l’influenza delle serie più famose. Flavia Mendonça, sociologa della cultura, spiega che alla base del successo dell’audiovisivo ci sono logica e forma: “Nell’audiovisivo esistono sempre molti dati da analizzare, studi ed indagini di mercato. Le piattaforme digitali dello streaming, per esempio, riescono con facilità a tracciare il profilo dei clienti, e quindi a produrre ciò che avrà maggior successo”.

The Crown: numeri e ricerche

La serie tv The Crown ha esordito il 4 novembre 2016 ed è ora giunta alla quarta stagione. Il successo della serie storico-biografica sulla casa reale è stato immediato. Basti pensare che nella settimana d’esordio le ricerche su Google di Regina Elisabetta II sono aumentate del 433%, cosa che avviene  ogni inizio stagione. Nei primi tre giorni le ricerche di Margaret Thatcher hanno visto un incremento addirittura del 1540%.

The Crown è riuscita anche ad avvicinare gli inglesi alla famiglia reale: il 35% degli inglesi che seguono la serie vede infatti un po’ meglio o molto meglio la famiglia reale, mentre il 34% ha maggiore empatia nei confronti del Principe Carlo. Nelle due settimane successive al rilascio della quarta stagione, a novembre 2020, le ricerche relative a Principessa Diana e Principe Carlo sono aumentate rispettivamente del 1566 % e del 1425 %. Aumenti nelle ricerche che hanno inevitabilmente influenzato anche l’abbigliamento: l’incremento più consistente riguarda il collo alto (+7000%), a cui seguono fiocco al collo (+2900%) e tailleur blu (+1000%).

Il successo de La regina degli scacchi

Beth Harmon è un autentico prodigio degli scacchi che lotta per imporsi in un mondo prettamente maschile. La regina degli scacchi è una miniserie targata Netflix, ambientata tra gli anni 50 e 60, che appena uscita, il 23 ottobre 2020, ha riscosso subito un enorme successo. Nei primi tre giorni ne sono stati visti ben 551 milioni di minuti, un tempo pari a più di un secolo. È prima nella graduatoria di miniserie di fiction più viste su Netflix in 63 paesi, tra cui Argentina, Israele e UK ed è entrata nella top 10 di 92 paesi. In 28 giorni La regina degli scacchi è stata riprodotta in ben 62 milioni di domicili in tutto il mondo, rendendola la miniserie più vista nella storia di Netflix.

L’omonimo romanzo di Walter Tevis, da cui è tratta la serie, è divenuto a 37 anni dalla sua uscita un autentico best seller, mentre il numero di giocatori sul sito chess.com è aumentato addirittura del 500%. Per quanto riguarda le ricerche un aumento significativo ha riguardato la mossa siciliana (+300%), la regina di scacchi (250%), mossa di scacchi (+150%) e scacchi (88%).