Le ricette: idee di mare o terra per il menù di Natale

0
790
Ricette di Natale per il pranzo
Le ricette di Natale per un pranzo tradizionale.

Le ricette che per il Natale portiamo a tavola, creano un’atmosfera magica e profumi pazzeschi. Il menù di Natale è il principe di questa festa e fa parte del rito di ogni anno. Ecco le idee di mare e terra perché nessuno può rimanere scontento.

Quali, le ricette fare: tra mare e terra?

In questo articolo ho raccolto alcune delle ricette realizzate in questi anni e che sono perfette per rinnovare un po’ il menù e renderlo perfetto per tutte le esigenze. Per Natale, che poi in realtà è soprattutto la Viglia di Natale si dire pesce. Gli antipasti di mare sono leggeri, freschi e lasciano spazio anche a tutto quello che verrà. Un’alternativa al classico tagliere di affettati o anche solo una buona compagnia.
Iniziamo con lele ricette degli antipasti di mare

Carpaccio di salmone, finocchi e arancia

Gli ingredienti per 4 persone:

200 g di salmone affumicato, 1 piccolo finocchio, 1 arancia biologica, Chicchi di melagrana, Olio extravergine, Sale q.b.

Procedimento:

Spremi l’arancia, mescola il succo con un cucchiaio di olio extravergine di oliva e unisci un pizzico di sale. Lava il finocchio, mondalo e tieni da parte qualcuno dei ciuffi più freschi, ti servirà per la decorazione. Affetta il finocchio finemente, e condiscilo con la citronette all’arancia, fallo marinare per 15-30 minuti in frigorifero. Componi il carpaccio disponendo i finocchi sgocciolati nel piatto. Aggiungi le fettine di salmone e copri con la marinata all’arancia. Decora con i chicchi di melagrana, fettine di arancia e ciuffetti di finocchio. Servilo subito oppure preparalo in anticipo e tienilo in frigorifero coperto, fallo acclimatare 10-15 minuti prima di metterlo in tavola.

Bignè di sfoglia con ricotta e acciughe

I bignè di sfoglia sono uno sfiziosissimo antipasto di pesce, ideale per gli aperitivi delle feste. È una Questa ricetta ispirata dal libro di un’amica, Ilaria Mazzarotta, a cui sono grata per avermi regalato tanta ispirazione. Sfoglia e brisèe per ogni stagione è un libro di cucina interamente dedicato alle ricette con le paste in rotolo pronte. È un vero must per chi ama la cucina e ottima idea regalo anche per Natale. Tra le molte ricette, divise per stagione, Ilaria ha proposto dei deliziosi bignè da realizzare in un lampo, con la pasta sfoglia.

Gli ingredienti

Un rotolo di pasta sfoglia rettangolare • 200 g di ricotta (vaccina o di pecora) • 30 g di acciughe sott’olio (pesate sgocciolate)

Il procedimento:

Fai sgocciolare la ricotta per qualche ora in un setaccio e poi frullala con le acciughe fino a ottenere una mousse morbida ma non liquida. Falla riposare in frigorifero. Spennella uno stampo da mini muffin con olio o con il distaccante per teglie fatto in casa. Stendi la sfoglia e ricava dei cerchietti con un piccolo coppa pasta tondo. Disponi ogni cerchietto in uno stampino. Inforna a 200°C in forno statico già caldo per 10-12 minuti, sforna e fai raffreddare i bignè di sfoglia. Usa il sac a poche per farcire i bignè e con la mousse. Aggiungi un ciuffetto per la decorazione. . Sono perfetti da servire come antipasto per una cena di pesce o come stuzzichino per un aperitivo informale.

Alberelli di sandwich con avocado e salmone

Che sia la cena della Vigilia o il pranzo di Natale, ma un po’ tutte le feste significano soprattutto: antipasti e aperitivi. Le tavole delle feste, specialmente quando si è in tanti, si riempiono di sfiziosi piatti di assaggi da pizzicare ed è una delle cose più belle di queste occasioni.

Gli ingredienti:

15 fette di pane da tramezzino, 200 g di salmone affumicato, Un avocado, Sale, Senape (opzionale), Mezzo limone, Aneto (opzionale)

Procedimento

Per realizzare gli alberelli procurati un taglibiscotto a forma di abete da circa 5 cm. Stendi le fette di pane da tramezzino con un matterello e da ogni fetta ricava due alberelli. Spremi il limone. Lava l’avocado, taglialo a metà, rimuovi il nocciolo, sbuccialo e taglialo a dadini. Schiaccialo con una forchetta o frullalo con il limone e una presa di sale. Stendi la crema di avocado su un lato dei sandwich, aggiungi il salmone affumicato, senape e aneto, se li gradisci e richiudi con un’altra fetta di pane. Conserva i sandwich in frigorifero fino al momento di servirli.

Le ricette per gli antipasti di terra

Affettati, formaggi e un’infinità di altri piccoli bocconi golosi. Un pranzo di Natale che si rispetti ha un bell’antipasto ricco e tra queste idee c’è sicuramente quella giusta per rendere la tua tavola di Natale golosa già al primo morso.

Supplì di zucca filanti

L’idea di farli con la zucca è fantastica, perché li rende cremosi e interessanti e poi, con o senza ragù, si possono preparare anche vegetariani. E persino vegani, sostituendo il formaggio con un sugo ristretto di verdure o utilizzando un formaggio vegetale, visto che non hanno uova. Fatti piccoli, come degli sfizi da aperitivo, ma, più grandi, sono perfetti anche come secondo piatto, magari accompagnati da un’insalata in agrodolce.

Ecco gli ingredienti:

200 g di zucca (pesata già sbucciata), 100 g di riso tipo “Carnaroli”, 2, noci di burro, 1/2 cipolla, 1/2 bicchiere di vino bianco, 500 ml di brodo vegetale, 30 g di parmigiano grattugiato, 100 g di formaggio a cubetti (provolone, scamorza, emmental, montasio, etc…), Pan grattato q.b., Olio extravergine di oliva, Sale q.b.

La Preparazione:

Taglia la zucca a pezzettini e trita la cipolla finemente. In un tegame fai appassire la cipolla con una noce di burro a fuoco dolce. Unisci la zucca e falla insaporire poi bagna con il brodo caldo e portala a cottura rigirando spesso, deve ammorbidirsi fino a diventare tenerissima. Togli dal tegame e tieni da parte. Nello stesso tegame aggiungi un’altra noce di burro e, quando sarà sciolta, unisci il riso. Fallo tostare per qualche minuto poi sfumalo con il vino bianco. Quando il vino sarà evaporato aggiungi la zucca al riso e bagna con il brodo poco per volta fino a portarlo a cottura. Fai sempre in modo che il composto resti poco umido e, a fine cottura, lascia restringere, continuando a girare, in modo che il riso si “incolli”. Spostalo in una ciotola, unisci il parmigiano grattugiato, mescola, regola di sale e fai raffreddare.

Crea i supplì

Una volta che il composto sarà freddo prendine una manciata grande come il palmo di una mano e forma una pallina. Schiacciala leggermente tra le mani e, al centro, metti un cubetto di formaggio. Se ti piace puoi aggiungere, come da ricetta più tradizionale, anche un cucchiaino di ragù di carne o vegetariano. Richiudi la pallina su sé stessa e passala nel pan grattato che avrai disposto in un piatto o in un vassoio. Friggi i supplì in olio bollente oppure disponili uno accanto all’altro su una teglia rivestita di carta forno, aggiungi un filo d’olio e cuoci in forno statico già caldo a 180°C per 25-30 minuti, il tempo di doratura può dipendere dalla grandezza, quindi verifica a metà cottura. Sono ottimi appena fatti ma tengono bene anche se riscaldati coperti in forno, in modo da non asciugarli troppo.

Tra le ricette, il classico: tagliere natalizio

Con formaggi e salumi e disposto ad albero di Natale. Ecco cosa serve:

Formaggi di 3-4 tipi diversi, affettati di 2-3 tipi diversi, erbe aromatiche per decorare, pane, tagliere di legno.

Ecco come farlo:

Scegli i formaggi seguendo i tuoi gusti. Può valere la pena, in base alla provenienza geografica, di scegliere prodotti locali. Servirsi a km 0 che è sempre un’opzione ecologica e di aiuto all’economia di prossimità. Per gli affettati privilegia dei salumi semplici da servire, che tengano bene la fetta e che aggiungano sapore. Usa le erbe aromatiche per guarnire la composizione. Lavale e asciugale perfettamente, perché non bagnino formaggi, affettati e tagliere producendo una brutta pozza umida. Perfetto il rosmarino che “mima” i rami dell’albero di Natale e regala un profumo ancora più aromatico. Posiziona gli ingredienti in strati via via più larghi, in modo da ricreare una sorta di triangolo che ricordi un albero di Natale. Ricrea anche il fusto e il gioco è fatto. Servi il tagliere accompagnandolo con pane caldo e eventuale miele o confetture di accompagnamento ai formaggi. Puoi arricchire il tagliere, se ti piace, con verdure fresche o frutta di stagione che si abbinino ai formaggi, come sedano, pere e uva.

Ecco le ricette per i primi piatti a base di pesce

C’è chi preferisci i pasticci o le paste ricche e chi ama ricette più leggere, chi sta con la tradizione e chi cerca la novità. Tra queste proposte troverai certamente i piatti da mettere nel tuo menù di Natale di quest’anno.

Pasta con sugo di pesce spada

120 g di pasta secca di grano duro, 200 g di pesce spada tagliato in un unico trancio, 200 g di passata di pomodoro o pomodori pelati, 2 cucchiai di olive nere denocciolate, 1 tazzina di vino bianco, 1 spicchio di aglio, Olio extravergine di oliva, Basilico

La Preparazione:

Elimina la pelle e l’eventuale spina centrale del pesce spada e taglialo a cubetti. Pela lo spicchio d’aglio e schiaccialo leggermente. Fallo scaldare in un tegame a fuoco dolce con 2 cucchiai di olio extravergine di oliva. Elimina quando avrà preso colore e aggiungi il pesce a cubetti. Fai rosolare il pesce su tutti i lati, a fiamma più vivace, e poi sfuma con il vino bianco. Fai evaporare fino a che l’odore di alcool sarà svanito. Unisci il pomodoro, le olive e 1-2 foglie di basilico. Cuoci per 7-10 minuti, facendo restringere il sugo. Intanto cuoci la pasta al dente, scolala e aggiungila al tegame con il sugo. Tieni da parte un po’ di acqua di cottura da aggiungere alla padella. Manteca a fuoco vivace e servi subito, aggiungendo qualche foglia di basilico fresco per guarnire.

Lasagne con salmone e spinaci

250 g di sfoglia fresca per lasagne, 250 g di filetto di salmone, 200 g di spinaci freschi o surgelati, 600 ml di latte, 60 g di burro, 30 g di farina, 100 g di formaggio grattugiato (io ho utilizzato del Vintage Cheddar), Sale e Pepe q.b., Noce moscata

Prepariamo le lasagne:

Prepara la besciamella. In un tegame fai sciogliere a fuoco dolcissimo il burro. Unisci la farina, tutta in una volta e mescola fino a creare una crema (chiamata roux). Continua a cuocere per tostarla leggermente. Aggiungi quindi il latte a filo, continuando a mescolare, regola di sale, pepe e noce moscata e cuoci fino a ottenere una crema. Questa besciamella non si addenserà troppo e sarà perfetta per condire le lasagne che dovranno cuocere in cottura. Lascia raffreddare coprendo con pellicola alimentare a contatto. Spina il filetto di salmone salalo abbondantemente in superficie, e lascialo marinare sotto sale per almeno 30 minuti (ma se riesci lascialo così, in frigorifero, anche tutta la notte). Sciacqua via il sale e cuoci il salmone al forno, senza aggiungere altri grassi, a 200°C per 20 minuti circa. Rimuovi la pelle e taglia la carne in piccoli pezzi, meglio ancora, sbriciolala con le mani.

Componi la lasagna stendendo poca besciamella sul fondo della teglia

Disponi il primo strato di sfoglia di pasta poi stendi un abbondante strato di besciamella e distribuisci sulla superficie il salmone sbriciolato, gli spinaci e il formaggio grattugiato. Prosegui così per altri due strati poi completa con l’ultimo strato di pasta e copri con besciamella e formaggio grattugiato. Cuoci in forno a 200°C per circa 40 minuti, fino a che la superficie della lasagna non si sarà ben dorata. Lascia riposare a temperatura ambiente per 15-20 minuti e servi.

Menu tradizionale di Natale

Le ricette per i primi piatti di carne

Chi è stato negli USA o anche solo chi ha guardato molti film e serie TV ambientati in America avrà sicuramente idea di cosa sia il “Mac and Cheese” la pasta americana al formaggio più famosa al mondo. Ma questo piatto ha radici molto più vicine alle nostre perché è un piatto che viene dalla tradizione inglese e che si prepara proprio con il cheddar che, a dispetto di molti pregiudizi (e pessimi surrogati) è un formaggio britannico meraviglioso, forse uno dei formaggi più buoni di sempre. In Italia il cheddar non si trova facilmente sebbene qualche negozio specializzato qualche volta lo propongono. Volendo prepararlo con prodotti nostrani si può utilizzare una toma, un provolone o comunque un formaggio fondente e non filante che sia molto saporito, ma anche un pecorino va benissimo.

Ecco la ricetta: mac and chees o pasta americana

200 g di formaggio cheddar (meglio se stagionato), 40 g di farina, 50 g di burro (più quello per la teglia), 800 g di latte, 300 g di pasta tipo “fusilli bucati o cellentani” o “pipe piccole”, Formaggio misto grattugiato q.b., Sale, Noce moscata, Pan grattato q.b.

La preparazione:

Taglia a pezzetti il cheddar. In una pentola metti il burro e fallo sciogliere a fuoco dolcissimo. Unisci la farina tutta in un colpo e mescola energicamente con una frusta. Fai tostare leggermente il composto ottenuto a fuoco dolce. Unisci quindi il latte a filo, mescolando e un pizzico di noce moscata grattugiata. Cuoci a fuoco dolce, continuando a mescolare fino a che la salsa non comincerà ad addensarsi. A quel punto unisci il cheddar e continua a mescolare fino a che non si sarà sciolto. Regola di sale, poi spegni e tieni da parte, rigirando di tanto in tanto per evitare che si formi la classica pellicola sulla superficie. Cuoci la pasta in acqua bollente salata per 3-4 minuti in meno del tempo di cottura previsto, questo eviterà che, dopo la cottura in forno, la pasta risulti scotta. Scola la pasta e condiscila con tutta la salsa al formaggio.

Imburra generosamente una pirofila e cospargila di abbondante pan grattato

In cottura eviterà che la pasta si attacchi e formerà una gustosa crosticina anche sul fondo. Versa la pasta dentro la pirofila e distribuiscila uniformemente. Cospargi di abbondante formaggio grattugiato (abbondante nel senso più americano del termine!) e inforna a 200°C in forno statico già caldo per circa 20-25 minuti, fino a che sulla pasta non si sarà formata una deliziosa crosticina dorata. Sforna e fai riposare almeno 15 minuti prima di servire. Anche meglio (come tutti gli sformati di pasta e non) prepararlo in anticipo e scaldarlo al momento del servizio.

Lasagne ai funghi

Le lasagne ai funghi sono un primo piatto ideale per un pranzo di Natale vegetariano. Sono ricche, sontuose e saporite eppure non c’è un solo grammo di carne a renderle tali. Ecco gli ingredienti:

250 g di sfoglia per lasagna fresca, 500 g di funghi misti, 100 g di mozzarella sgocciolata (o fiordilatte), 100 g di formaggio grattugiato, 750 ml di latte, 75 g di burro, 75 g di farina, Uno spicchio d’aglio, Un pizzico di noce moscata grattugiata, Sale e Pepe, Olio extravergine di oliva

Le ricette delle lasagne ai funghi

Monda i funghi eliminando ogni residuo di terra con un pennellino, sciacquali con acqua fresca e tamponali con un panno pulito. In un tegame fai scaldare a fuoco dolce due cucchiai di olio extravergine con uno spicchio d’aglio. Quando questo avrà preso colore rimuovilo e aggiungi i funghi. Falli sfrigolare e poi aggiungi un pizzico di sale e pepe e copri con un coperchio. A quel punto riapri il coperchio e porta a cottura a fuoco dolce. Fino a che il fondo non si sarà ritirato. Per la besciamella metti in un tegame il burro e fallo sciogliere a fuoco dolce. Appena sarà sciolto togli il tegame dal fuoco e unisci, tutta in una volta, la farina. Mescola energicamente con una frusta o un cucchiaio fino a formare una crema. Fai tostare leggermente a fiamma minima e poi aggiungi il latte a filo, continuando a mescolare per evitare la formazione di grumi. Regola di sale e pepe e aggiungi un pizzico di noce moscata grattugiata. Alza leggermente il fuoco e cuoci, continuando a mescolare, fino a che la besciamella non si sarà rappresa.

Versa 1-2 cucchiai di besciamella in una pirofila

Disponi un primo strato di sfoglia per lasagna senza sovrapporla. Copri con uno strato generoso di besciamella, distribuisci qualche cucchiaio di funghi, poi una manciata di dadini di mozzarella e parmigiano grattugiato. Procedi con un nuovo strato e uno ancora. Sull’ultimo strato di pasta aggiungi besciamella abbondante, mozzarella, funghi e formaggio grattugiato. Inforna a 180°C in forno statico già caldo per 20-25 minuti, la lasagna deve risultare leggermente dorata in superficie. Se la prepari il giorno prima e la scaldi poco prima di servirla è anche meglio, perché avrà avuto tempo di compattarsi e risulterà assai più gustosa.

Le ricette dei secondi piatti di pesce

In un pranzo o una cena così importanti il rischio è che si arrivi al secondo piatto già troppo satolli. Il modo migliore per evitare che succeda è portare in tavola un secondo irresistibile, accompagnandolo a un contorno di stagione.

Curry di pesce cotto

Per le ricette dello spezzatino:

Circa 500 g di pesce misto (gamberi, calamari, alici e filetto di gallinella), 400 ml di latte di cocco, Un peperone, Mezza cipolla, Uno spicchio d’aglio, Un cucchiaino di pasta di curry verde, 2 cucchiaini colmi di curcuma, Un cucchiaino colmo di zucchero di canna (o zucchero di palma), Un pezzo di zenzero fresco (lungo circa 2 cm), Un limone (o 2 lime), Olio EVO, Sale, Pepe nero

Ecco come si prepara:

Monda il pesce spada rimuovendo la parte centrale e taglialo in pezzi piuttosto grossi. In un tegame fai scaldare tre cucchiai di olio con uno spicchio d’aglio leggermente schiacciato. Quando l’aglio sarà colorato toglilo dall’olio, aggiungi il pesce spada e fallo rosolare su tutti i lati in modo che prenda un po’ di colore. Una volta che il pesce si sarà abbrustolito leggermente aggiungi la passata di pomodoro, le olive, la buccia di limone grattugiata e un pizzico di sale (tenendo conto della sapidità delle olive). Cuoci a fuoco dolce per 30 minuti, in modo da far addensare il fondo di cottura e far riunire tutti i profumi. Se ti piace, al momento di servire aggiungi una grattata di buccia di limone extra e un pizzico di pepe.

Le ricette: secondi piatti di carne, lo stinco di maiale al forno

Uno stinco di maiale per porzione oppure uno grande da dividere a metà, 1 carota, 1/2 cipolla, 1 piccolo gambo di sedano, 1/2 bicchiere di vino bianco, 2 bicchieri di brodo vegetale, 1 cucchiaio di miele, Due foglie di alloro, Due rametti di rosmarino, Una decina di foglie di salvia, Uno spicchio d’aglio, Olio extravergine di oliva, Sale

La sera prima prepara un battuto di erbe aromatiche con un rametto di rosmarino, e 4-5 foglie di salvia

Aggiungi l’aglio schiacciato e 3-4 cucchiai di olio extravergine di oliva. Mescola e con questo composto ungi gli stinchi e chiudili in un contenitore e lasciali marinare in frigorifero per tutta la notte. Al mattino dopo metti gli stinchi e tutta la marinatura in un tegame caldo, se occorre aggiungi olio. Fai rosolare per bene gli stinchi su tutti i lati e sfuma con il vino bianco. Quando l’alcool sarà evaporato trasferisci tutto il contenuto del tegame in una teglia. Taglia a dadini piccoli la carota, il sedano e la cipolla e uniscili alla teglia, aggiungi anche le rimanenti erbe aromatiche e una presa di sale (senza esagerare se il brodo è già salato). Unisci il brodo a cui avrai aggiunto il miele e metti in forno a 180°C coprendo con un foglio di carta alluminio e cuoci per circa un’oretta.

Le ricette: Dopo circa 30 minuti bagna la carne con il brodo e continua a cuocere

Passata la prima ora bagna nuovamente gli stinchi con il brodo e, se occorre, rabbocca con acqua, in modo che il fondo resti piuttosto umido. cuoci per altri 40 minuti circa, bagnando ancora dopo 20 minuti. Una volta pronti, tieni in caldo gli stinchi e filtra il fondo di cottura, schiacciando le verdure, in modo da ottenere una salsa perfetta per servirli. Servito insieme a un morbido purè di patate e la salsina a centro tavola in modo che ciascuno potesse servirsene a piacimento.

Rollatine di pollo alla Wellington

Queste rollatine di pollo alla Wellington rimangono succosissime utilizzando il taglio giusto e saporite grazie alla farcitura, non perdono umidità grazie alla crosta e si presentano anche benissimo, che nelle grandi occasioni non guasta. Prepararle è davvero un attimo e si possono anche fare in anticipo e scaldare un po’ al momento di servirle.

4 rustichelle di pollo (o fette di petto di pollo), 12 fette di speck dell’Alto Adige, 40 g di granella di pistacchi, 100 g di formaggio (tipo Tilsiter o scamorza dolce) a fette, 300 g di farina tipo “0”, 90 ml di vino bianco, 50 ml di olio di semi, 1 cucchiaino di lievito istantaneo per salati, Sale, 1 tuorlo

Il procedimento per le ricette delle rollatine di pollo

Stendi le rustichelle o le fette di petto di pollo su un tagliere e coprile con pellicola per alimenti. Battile con un batticarne in modo da assottigliarle leggermente. Al centro di ogni fettina metti 3 fette di speck, una o due fette di formaggio e la granella di pistacchi.
Arrotola le fettine partendo da uno dei lati più lunghi, avvolgile saldamente con pellicola per alimenti arrotolando le estremità per sigillarle e fai riposare le rollatine in frigorifero per almeno 30 minuti. Prepara la pasta al vino impastando la farina con il vino bianco, l’olio di semi, il lievito istantaneo per salati e un cucchiaino di sale. Quando otterrai un panetto liscio ed elastico coprilo e fallo riposare. Riprendi la pasta al vino e dividila in due pezzi. Stendila a uno spessore di 3-4 mm e al centro di ciascuna striscia di pasta posiziona una rollatina. Avvolgi le rollatine con la pasta, rifila l’eccesso e sigilla le giunture.

Con le ricette: la pasta avanzata puoi decorare la superficie delle rollatine

Spennella la superficie con il tuorlo d’uovo sbattuto. Inforna gli involtini in crosta a 180°C in forno statico preriscaldato per circa un’ora, coprendoli con carta alluminio se dovessero colorarsi troppo in fretta. Sforna e fai riposare per 15 minuti prima di servire, in questo modo la carne non perderà i suoi succhi e resterà morbidissima e saporita.nSono perfetti da servire con i cavoletti alle mele che creano un delizioso contrasto di sapori.