Le recenti scoperte sotto i ghiacci della Norvegia

Alcuni manufatti vichinghi recuperati in un antico passo della Norvegia.

0
715

Il ritiro dei ghiacci, in una zona montana della Norvegia, ha riportato alla luce un antico passo usato dai Vichinghi.

Ricco di numerosi manufatti di grande interesse e perfettamente conservati, il passo si trova a Lendbreen, nella regione centrale della Norvegia.

Gli archeologi conoscevano Il passo già dal 2011 quando fu scoperto un altro reperto: una tunica di lana risalente al terzo o quarto anno d.c. Negli anni successivi il ghiaccio ha continuato a sciogliersi e ritirarsi, aiutato dall’azione del riscaldamento globale.

Coperti dal ghiaccio vi erano molti altri manufatti come guanti lavorati a maglia, scarpe in pelle e perfino frecce con piume ancora intatte.

Un punto di passaggio per contadini e viaggiatori

La datazione al carbonio dei reperti ci rivela che contadini e viaggiatori usarono il passo per un migliaio di anni, dall’età del ferro (nello specifico intorno al 200-300 d.C.), fino alla peste nera nel XIV secolo. La maggior parte dei ritrovamenti, però, risale al periodo intorno al 1000 d.C., durante l’era dei vichinghi. Proprio in quel momento il commercio e gli spostamenti nella regione erano ai massimi livelli.

Tra gli altri reperti troviamo anche strutture in pietra, che probabilmente guidavano i viaggiatori nei giorni di nebbia, i resti di un rifugio, e materiali trasportati da contadini e viaggiatori. Nell’estate scorsa gli archeologi hanno ritrovato perfino una racchetta da neve per cavalli, un altro reperto molto interessante.

L’entità dei cambiamenti climatici

James Barrett, archeologo medievale dell’università di Cambridge, fa notare lo spessore e la portata del cambiamento climatico che ha impiegato circa dieci anni per portare alla luce ciò che era nascosto sotto il ghiaccio per quasi 1000 anni!

La storia dei popoli raccontata dagli oggetti

Nonostante questo l’archeologo afferma che i resti scoperti sono davvero importanti e preziosi dato il loro stato di conservazione, ma è ancora più interessante soffermarsi sulla loro storia e su ciò che sono in grado di raccontarci sulla vita e le abitudini di chi attraversava l’antico passo.