Le possibili novità del Decreto Aprile

0
517

Nuovi ampliamenti di agevolazioni per famiglie e imprese in vista del Decreto Aprile, che andrebbe ad implementare i precedenti decreti di aiuti economici. Il nuovo decreto, studiato dal Ministero dell’Economia, punta ad arrivare in consiglio dei ministri tra 8 o 10 giorni, dopo i dovuti passaggi sul deficit aggiuntivo, previsti per la prossima settimana. Tra i punti più importanti ci sono l’ampliamento della sospensione dei versamenti fiscali e contributivi, riservata a chi ha perso fatturato in queste settimane di mancata attività, una moratoria sulle sanzioni e la spinta alla liquidità delle imprese. Allo studio anche altre agevolazioni per le famiglie in merito al pagamento di utenze e bollette.

alt="Decreto Aprile"

Novità per le imprese

Secondo quanto riportato oggi dal Sole 24 Ore, il Decreto Aprile conterrebbe alcune misure aggiuntive in aiuto alle imprese. In primo luogo il ministero dell’economia starebbe lavorando a una sospensione di tasse e contributi per i mesi di aprile e maggio. La sospensione non sarebbe pensata per filiere ma terrebbe conto di un doppio vincolo: il volume d’affari da considerare sale da 2 a 10 milioni di euro e un calo di fatturato stimato in misura superiore a una determinata percentuale.

alt="Decreto Aprile"

Il nuovo decreto dovrebbe prevedere anche un ampliamento della platea dei lavoratori autonomi che potranno accedere al credito d’imposta del 60% dell’affitto dei locali in cui si svolge l’attività. Il provvedimento coinvolgerà anche albergatori e tour operator. Per sostenere il sistema produttivo, inoltre, il governo punta a rafforzare i meccanismi di garanzie alla liquidità con sistema bancario e Cdp. L’obiettivo è quello di alzare la garanzia riducendo il livello di discrezionalità nell’accesso ai prestiti per il sistema produttivo.

Novità per la scuola

Alcune novità del Decreto Aprile riguardano anche l’attività didattica, la cui sospensione è stata prorogata al 3 maggio, ma non è escluso che si estenda alla fine dell’anno scolastico. Il nuovo decreto dovrebbe quindi stabilire una maggiore flessibilità per la fine dell’anno scolastico in corso. Questo, tuttavia, non significa che le lezioni si protrarranno nei mesi estivi. Al contrario, sono previsti tempi più lunghi per le scadenze amministrative di fine e inizio anno.

Novità in merito agli enti locali

Alcune novità del Decreto Aprile riguarderanno anche gli enti locali, in particolare un meccanismo che permetterebbe ai sindaci di sospendere Imu, Tari e altri contributi locali fino al 30 novembre. La sospensione di queste imposte comunali dovrebbe essere garantita da un prestito da Cdp sostenuto dalla garanzia statale.

alt="Decreto Aprile"

Novità per le famiglie: stop a bollette e utenze

Per quanto riguarda le famiglie, nel Decreto Aprile ancora da definire si torna a parlare dello stop a utenze e bollette. Questo punto è ancora in fase di studio, perché si attendono le risorse necessarie per sostenerlo. Tuttavia, una quota delle risorse stanziate dal governo potrebbe essere destinata alla sospensione delle utenze. La richiesta di fermare il pagamento delle bollette dovrebbe essere inoltrata dall’utente secondo modalità che saranno stabilite all’interno del decreto di concerto con i fornitori di luce, gas e acqua. Allo studio anche una possibile riduzione degli oneri di sistema, fino ad oggi ritenuta troppo onerosa.

Commenti