Le Porsche più strane della storia

In più di 70 anni, Porsche ha realizzato dei progetti o prototipi alquanto originali. Alcuni sono stati anche prodotti, mentre altri non hanno mai visto la luce. Ecco i 5 modelli più strani di sempre.

0
590
Le Porsche curiose
La Porsche Tapiro degli Anni '70 (screenshot Instagram)

Porsche è uno dei marchi dell’industria automobilistica più famosi al mondo. In più di 70 anni di storia ha prodotto vetture diventate iconiche, come ad esempio le 356, oppure la Boxster che ha compiuto 25 anni, o ancora la popolare e leggendaria 911. Eppure ci sono state delle idee (più o meno recenti) alquanto originali e curiose. Scopriamo quali sono le Porsche più strane tra quelle che sono rimaste solo dei progetti e quelle che invece hanno avuto una produzione seppur limitata.

Quali sono le Porsche più strane di sempre?

Ovviamente questa è solo una selezione di alcuni dei modelli più stravaganti progettati, pensati o prodotti dalla famosa azienda tedesca di Zuffenhausen. Tra le Porsche sulle quali ci soffermeremo di seguito, ce ne sono alcune recenti ed altre che, invece, sono un pochino più datate.

  • Porsche 984: pensata per la Seat, la società di Zuffenhausen ha poi deciso di fare di questa roadster un punto di riferimento per una nuova sportiva da inserire nella base della sua ampia gamma, con un costo di circa 40mila marchi. Lo sviluppo è andato avanti dal 1984 al 1987, ma poi è stato accantonato per la crisi di vendite che la casa tedesca ha dovuto affrontare in quegli anni.
  • Porsche Mission R: siamo in epoca recente con questo prototipo full-electric che potrebbe anticipare l’approdo sul mercato della prossima Cayman a batterie. Si tratta di un’auto a dir poco all’insegna della velocità. Basti pensare che è capace di superare i 300 Km/h di velocità di punta e di passare da 0 a 100 Km/h in appena 2,5 secondi.

Porsche 911 RSR 3.0: all’asta un esemplare “galeotto”

Dalla 989 alla Tapiro

  • Porsche 989: è il 1988 quando si comincia a lavorare a questa berlina con motore anteriore e trazione posteriore. I costi di produzione però risultano molto alti e i vertici dell’azienda si rendono conto che non potrebbero immetterla sul mercato ad un costo minore di 100mila marchi. E così l’attività produttiva è stata archiviata per sempre.
  • Porsche Renndienst: progettato nel 2018, è stato presentato al pubblico nel 2020. Siamo di fronte al modello elettrico di un van di supporto per il mondo del motorsport. La società tedesca ha tratto ispirazione, per il design, dal mitico furgoncino Volkswagen Bulli che ha anche partecipato a diverse gare.
  • Porsche Tapiro: dalla piattaforma della Volkswagen-Porsche 914 nel 1970 arriva questo prototipo. La sua caratteristica per eccellenza sono le portiere ad ali di gabbiano. Il design ha poi ispirato la realizzazione dell’iconica DeLorean DMC-12, protagonista della trilogia cinematografica di Ritorno al Futuro.