Le nuove misure di contenimento del Coronavirus in Spagna

0
1361
Pedro_Sanchez_coronavirus_spagna

MADRID – Il Presidente del Consiglio spagnolo, Pedro Sánchez, è comparso oggi alle ore 16 al Palacio della Moncloa, per annunciare le nuove misure di contenimento del Coronavirus in Spagna, dove si contano già 3051 casi, 89 decessi e 189 persone guarite.

Le misure del Governo di Pedro Sánchez

Le misure di contenimento del Coronavirus in Spagna, adottate dal Governo di Pedro Sánchez, partono da due fronti: quello sanitario ed economicocon una particolare attenzione verso i collettivi più vulnerabili.

Sul fronte sanitario, Sánchez ha dichiarato durante la conferenza stampa nel Palazzo della Moncloa, oggi alle ore 16, l’estrema importanza del coordinamento tra lo Stato e le comunità autonome. Inoltre ha affermato: “siamo di fronte ad una emergenza sanitaria ed è imprescindibile la disciplina della società”.

Sul piano economico, invece, afferma l’importanza del lavoro congiunto con gli agenti sociali.

Le nuove misure di contenimento del Coronavirus approvate oggi

Le misure di contenimento del Coronavirus approvate oggi dal Consiglio dei Ministri spagnolo, riguardano 4 ambiti:

Attività medica ed ospedaliera: vengono liberate risorse per 2800 milioni di euro alle comunità autonome perché possano veicolarle alle loro strutture sanitarie. E ancora, 1000 milioni di Euro dal Fondo di Contingenza nazionale, per far fronte a situazioni segnalate dal Ministero della Sanità. Infine, Sánchez ha affermato, che ieri era stata approvata già una norma per l’acquisto centralizzato delle medicine e per il controllo sui prezzi.

Politiche sociali per le famiglie. Vengono stanziati 25 milioni di Euro ai servizi sociali, per garantire una corretta alimentazione a tutti quei bambini che fanno il loro pasto principale solo a scuola e che oramai non possono farlo per via delle chiusura dei centri educativi.

Infine, viene riconosciuta la “flessibilità in ambito educativo” perché le scuole possano portare avanti i programmi a distanza tramite l’uso delle nuove tecnologie.

Tutela del lavoro con particolare attenzione alle piccole e medie imprese. Verrà concesso alle PMI un periodo di 6 mesi in più, per pagare le tasse ma senza interessi. Questa misura significa uno stanziamento di 14.000 milioni di euro.

Turismo e trasporti: 14 milioni di aiuti tramite l’Istituto di Credito Ufficiale (ICO) e bonus per i dipendenti a tempo indeterminato, ma occasionali, del settore turistico.

Altre misure

Inoltre ci sono altre misure oltre a questo pacchetto di misure. Dal 16 marzo scorso, le ferrovie spagnole – Renfe – cambia o rimborsa tutti i biglietti che siano necessari. Inoltre viene data la possibilità di lavorare da casa a tutti i dipendenti pubblici, specie per chi ha figli a carico.

Ancora, vi sono nuove misure del Ministero Affari Esteri spagnolo, per aiutare i loro cittadini all’estero e dare consigli utili per la tutela della loro salute. Inoltre verranno poste in essere nuove disposizioni e indagini per salvaguardare il consumatore.

Nei prossimi giorni si aspettano nuove disposizioni per far fronte all’emergenza. Ma Pedro Sánchez, sottolinea che il Ministero della Sanità considera che queste misure debbano applicarsi in egual misura in tutte le comunità autonome spagnole.

Il discorso di Pedro Sánchez

Pedro Sánchez, ha concluso il suo intervento nel Palazzo della Moncloa, affermando che “Questa è un’emergenza sanitaria senza precedenti” e ha ringraziato il personale sanitario e della protezione civile, le amministrazioni pubbliche di qualunque orientamento politico, e le famiglie.

Inoltre, ha affermato che è “Essenziale la responsabilità e la disciplina sociale” e che “bisogna stremare la cura della propria salute per preservare la salute degli altri” e fare un uso razionale dei prodotti sanitari.

E ancora, “Tutti possiamo fare qualcosa di molto importante per gli altri: seguire le raccomandazioni ufficiali (…) Supereremo questa emergenza, ma dobbiamo cercare di farlo con le minori conseguenze”.

E riguardo all’Europa: “Non siamo soli, ci sono con con noi anche i nostri soci europei. L’Europa sa che deve rafforzare le risorse, e questo verrà fatto”.

Pedro Sánchez, ha concluso il discorso, ribadendo tre vie fondamentali per debellare l’emergenza sanitaria del Coronavirus: “unione, responsabilità e disciplina sociale”.