Le nazioni baltiche rifiuteranno il rifugio ai russi in fuga

0
101
Visti ai cittadini russi

I membri dell’Unione Europea (UE) Lettonia, Lituania ed Estonia, che confinano con la Russia, non offriranno rifugio ai russi in fuga dalla mobilitazione delle truppe di Mosca, hanno dichiarato i loro ministri mercoledì 21 settembre. I voli di sola andata per lasciare la Russia hanno subito un’impennata dei prezzi e si sono esauriti rapidamente dopo che il presidente Vladimir Putin ha ordinato il richiamo immediato di 300.000 riservisti.

Le motivazioni

Il rifiuto di compiere il proprio dovere civico in Russia o il desiderio di farlo non costituisce un motivo sufficiente per ottenere asilo in un altro Paese”, ha dichiarato il ministro degli Esteri estone Urmas Reinsalu in un’e-mail a Reuters. Su Twitter, il ministro degli Esteri lettone Edgars Rinkevics ha citato problemi di sicurezza per il rifiuto. Il Ministero degli Interni lituano ha dichiarato che ogni caso di asilo sarà valutato separatamente. I tre Paesi, insieme alla Polonia, hanno iniziato a respingere i cittadini russi dalle loro frontiere alla mezzanotte di lunedì, affermando che non dovrebbero viaggiare mentre il loro Paese è in guerra con l’Ucraina. Il divieto esclude i dissidenti russi che cercano rifugio nell’UE, gli autotrasportatori, i rifugiati e i residenti permanenti nei Paesi dell’UE, nonché coloro che visitano i familiari più stretti.