Le micro norme della manovra finanziaria

0
157

La manovra finanziaria approvata lo scorso 30 dicembre non è solo pensioni, tagli fiscali, ecobonus e grandi provvedimenti, ma contiene una serie di micro norme che riguardano varie categorie di aziende e cittadini. Una manciata di finanziamenti e di provvedimenti su aree più ristrette, che rappresentano una piccolissima parte della manovra finanziaria, ma che è utile conoscere perché possono toccare alcuni ambiti della vita quotidiana.

Agevolazioni Iva per alcuni alimenti

La legge di bilancio prevede l’applicazione di una tassa forfait di 100 euro che dovranno pagare i raccoglitori dilettanti di tartufi e funghi. Circa 19 mila persone, uomini e donne di tutte le età, appassionate della passeggiata nel bosco alla ricerca di funghi e tartufi dovranno pagare questa tassa per poter portare a casa il “raccolto” senza incorrere in sgradevoli sanzioni. Scende, invece, l’aliquota Iva sui tartufi freschi o refrigerati
(al 5%) e su quelli congelati o essiccati (10%).
Di fatto, quindi, il tartufo passa da prodotto di lusso, con aliquota al 22%, a prodotto di consumo quotidiano, con la prospettiva di allargarne anche i consumi. L’agevolazione dell’Iva riguarda anche pane e cracker con saccarosio, grassi e oli alimentari industriali, cereali interi o in granella o semi, erbe aromatiche e spezie.

Aiuti al settore primario: agricoltura e apicoltura

Per l’apicoltura, settore importante per l’economia italiano ma troppo spesso lasciato in secondo piano, sono stati stanziati dalla manovra 2 milioni di euro per il biennio 2019-2020. La legge di bilancio prevede anche l’istituzione di un Catasto delle produzioni frutticole nazionali e lo stanziamento di 5 milioni in due anni per darne avvio. L’obiettivo del Catasto frutticolo nazionale, i cui criteri saranno fissati da un successivo decreto del ministero delle Politiche Agricole, è quello di rendere più competitivo il settore ortofrutticolo italiano, limitando per quanto possibile la volatilità dei prezzi.

Taglio delle accise per i micro-birrifici

Un piccolo aiuto economico arriva anche per le aziende produttrici di birra, che vedranno calare l’accisa per la birra da 3 euro a ettolitro a 2,99 euro. Questa misura andrà ad aiutare i micro birrifici italiani con un taglio del 40% delle accise per tutti i piccoli produttori di birra artigianale.

Finanziamenti per le infrastrutture

Nella legge di bilancio sono stati stanziati anche finanziamenti per alcune infrastrutture. Per l’aeroporto di Crotone sono stati stanziati 3 milioni, mentre per lo scalo di Reggio Calabria ne sono previsti 10. Cinque milioni, invece sono destinati alla Regione Piemonte per finanziare i lavori sulla linea ferroviaria Biella-Novara, mentre 1 milione e mezzo è destinato al ponte che unisce Calusco e Paderno d’Adda in Lombardia. Infine, sono stati stanziati 8 milioni per le “opere a mare danneggiate” in Liguria in seguito alle violente mareggiate che si sono verificate lo scorso ottobre.

Fondi per arte e cultura

Dalla legge di bilancio arrivano anche alcuni aiuti per l’arte e la cultura. A Parma, nominata Capitale della cultura per il 2020 saranno destinati 3 milioni di euro, mentre altri 3 milioni saranno stanziati nel 2019 per la promozione dell’arte contemporanea italiana all’estero. In arrivo anche 30 milioni l’anno, dal 2019 al 2028, per il Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), tre assunzioni all’Accademia della Crusca e nove all’Accademia dei Lincei. Il Museo della civiltà istriana e l’Archivio di Fiume riceveranno un finanziamento di 100 mila euro, mentre alcuni aiuti economici saranno destinati anche alla cineteca italiana di Milano e alla Cineteca del Friuli. Alcuni fondi, infine, saranno destinati festival e design: 1 milione di euro è la cifra che è stata stanziata per festival, cori e bande e 3,5 milioni per le arti applicate come moda, design e grafica. Infine 500 mila euro andrà alle scuole di musica per gli studenti disabili.

Scuola e istruzione

Nonostante i tagli previsti nell’ambito della scuola e delle università, nella legge di bilancio ci sono alcune piccole somme stanziate per l’istruzione. A Napoli sfuma il progetto della Normale Bis, ma arriveranno ben 8 milioni di euro per la Scuola superiore meridionale. E’ stato inoltre istituito un nuovo fondo per la prevenzione, indirizzato agli adolescenti, per la lotta alle droghe. Per informare i ragazzi dei rischi legati all’assunzione di droghe leggere e pesanti sono stati stanziati 7 milioni in 3 anni, mentre è stato rifinanziato per 3 anni il fondo per la povertà educativa.

Fondi destinati alle celebrazioni

Altre micro norme contenute nella manovra finanziaria riguardano le celebrazioni di eventi e persone del nostro Paese. Nel 2019 si celebrano i 20 anni dalla morte e i 100 dalla nascita di Nilde Iotti, grande figura politica italiana e prima donna a ricoprire la carica di Presidente della Camera dei Deputati. Per la celebrazione di questo personaggio sono stati stanziati 200 mila euro, mentre per l’Istituto per la storia del Risorgimento italiano riceverà 400 mila euro l’anno a partire dal 2019. Altri due personaggi che saranno celebrati quest’anno e per i quali sono stati previsti fondi sono Renzo De Felice (90 anni dalla nascita), grande storico e accademico italiano e studioso del Fascismo e Ugo Spirito (40 anni dalla sua scomparsa), firmatario del Manifesto degli intellettuali fascisti. Per celebrare questi due personaggi storici italiani sono stati stanziati 60 mila euro all’anno per il biennio 2019-2020.




LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here