Le lauree più richieste nei prossimi cinque anni

0
132

Quali saranno gli ambiti lavorativi con maggiore offerta nei prossimi anni? La domanda suscita molto interesse, soprattutto per i giovani studenti che si accingono a scegliere l’ambito di studio universitario. A darne risposta, almeno in termini statistici e previsionali, è il Report Excelsior condotto da Unioncamere e Anpal. Secondo questo rapporto, infatti, il fabbisogno di laureati in Italia nei prossimi cinque anni sarà sempre più alto. Il mondo del lavoro avrà bisogno di 3-3,2 milioni di nuovi occupati in possesso di un diploma di laurea. Il rapporto, tuttavia, scava più in profondità, andando ad individuare le lauree che saranno più richieste nei prossimi cinque anni.

alt="lauree più richieste"

Digital transformation ed ecosostenibilità per il lavoro del futuro

Tra le competenze più quotate per trovare lavoro nei prossimi anni ci sono sicuramente quelle informatiche e quelle green. La Digital Transforation e l’ecosostenibilità, infatti, sono due parole chiave per chi vuole assicurarsi un posto nel mondo del lavoro tra pochi anni. Secondo il Report Excelsior queste competenze riguarderanno diversi settori economici, coinvolgendo tra il 26% e il 29% dei lavoratori di cui le imprese e la pubblica amministrazione avranno bisogno. “Nell’ambito della Digital Transformation” si legge nel rapporto “le imprese ricercheranno tra i 275 mila e i 325 mila lavoratori con specifiche competenze matematiche e informatiche, digitali o relative all’Impresa 4.0”.

alt="lauree più richieste"

Nell’ambito dello sviluppo economico sostenibile, il fabbisogno delle aziende di lavoratori preparati su tali tematiche è stimato tra i 519 mila e i 607 mila lavoratori. “Circa un quarto del fabbisogno occupazionale previsto nel periodo 2019-2023” si legge nel rapporto “sarà attivato dalle richieste di figure professionali da parte di cinque filiere: salute e benessere, education e cultura, meccatronica e robotica, mobilità e logistica, energia”. Tutti ambiti in cui lo sviluppo ecosostenibile è fortemente sentito già adesso.

Le lauree più richieste nei prossimi 5 anni

Secondo i dati rilevati dal Report Excelsior, la richiesta di diplomati e laureati nei prossimi anni sarà del 61-62%, che tradotto in numeri significa che le aziende ricercheranno tra i 959 mila e i 1014 lavoratori in possesso di un diploma di laurea. L’offerta tiene conto sia dei fabbisogni delle aziende pubbliche che di quelle private. Al primo posto tra le lauree più richieste ci sono quelle in ambito medico-sanitario, tra le 171 mila e le 176 mila unità lavorative. Seguono i titoli di studio in ambito economico, che dovrà rispondere a un fabbisogno tre 152 mila e 162 mila unità di lavoro. Chiudono il podio delle lauree più richieste quelle in ingegneria, con una domanda che va dalle 127 mila alle 136 mila unità lavorative.

alt="lauree più richieste"

Molto ricercati saranno anche i laureati in ambito giuridico (98-130 mila unità). Dopo un periodo di esubero di laureati in giurisprudenza, infatti, si è registrato un vertiginoso calo negli ultimi anni, ma il mondo del lavoro ha bisogno di giovani laureati per poter sostenere il turn-over dei dipendenti sia pubblici che privati. In ambito manifatturiero, invece, la maggiore richiesta di lavoratori laureati sarà per la fabbricazione di macchinari, attrezzature e mezzi di trasporto (89-94 mila unità), per le industrie metallurgiche (57-69 mila unità), per l’industria alimentare (56-59 mila unità) e per il comparto tessile, abbigliamento, pelli e calzature (41-52 mila unità).

La richiesta dei diplomati

La grande richiesta dei lavoratori laureati, tuttavia, non deve scoraggiare chi non ha intenzione di fare l’università. Nei prossimi cinque anni, infatti, le imprese avranno bisogno anche di personale diplomato. In particolare saranno ricercati diplomati in indirizzi amministrativi, di finanza e marketing (279-302 mila unità), ma anche in ambito industriale e dell’artigianato, con una domanda complessiva tra 211 e 235 mila unità. “Sarà considerevole” si legge nel report “anche il fabbisogno di diplomati nell’ambito del turismo, che potrà interessare tra i 79 mila e gli 82 mila occupati”.

Tuttavia, il numero di diplomati in cerca di lavoro nei prossimi cinque anni sarà, secondo le stime, di gran lunga superiore al fabbisogno occupazionale. Al contrario il numero dei laureati non sarà sufficiente a coprire la domanda di lavoro in molti settori, anche se non in tutti. In particolare si stima una mancanza di personale laureato in ambito medico-sanitario, mentre sembrano essere in eccesso le lauree in ambito letterario e umanistico.

Scegliere l’università è sempre un passo importante per i giovani che escono dalle scuole superiori. Una scelta difficile che deve basarsi sui propri interessi ma che deve tenere conto anche dei possibili sbocchi occupazionali. Il Report Excelsior offre uno strumento utile per capire quali saranno le tendenze nel medio periodo degli ambiti occupazionali che offrono maggiori possibilità lavorative.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here