Le interviste di Enzo Biagi: il piacere di raccontarsi

Enzo Biagi: giornalista pacato e profondo, voce dell'Italia "buona". A cento anni dalla sua nascita lo ricordiamo con alcune delle sue interviste più famose

0
258
le interviste di Enzo Biagi

Le interviste di Enzo Biagi: persone che si raccontano tra verità, sogni e aneddoti. Il giornalista bolognese, fuoriclasse d’altri tempi, andava sempre al di là della semplice biografia di chi aveva di fronte. Con la sua delicata curiosità sapeva cogliere gli aspetti più inediti.

Oggi ricorre l’anniversario della sua nascita. Riportiamo in luce i contenuti di alcune sue interviste per ricordarlo e ricordare il giornalismo appassionato e disinteressato.


Enzo Biagi nasceva il 9 Agosto 1920


le interviste di Enzo Biagi: il giornalismo bello

Il ricordo di Enzo Biagi

Il giornalista deve essere una persona perbene. Deve guardarsi allo specchio ed essere sinceramente fiero del lavoro svolto. Enzo Biagi diceva questo dei giornalisti e quindi di se stesso.

«Ammetto di aver un debole per la gente normale, quella che festeggia gli anniversari, crede ai proverbi, ha una busta paga modesta, pratica l’antica arte del risparmio». La descriveva così la sua piccola grande Italia. E sempre, rispetto al suo Paese, si abbandonò a queste parole: «Non sappiamo più in che Paese siamo, nessuno racconta l’Italia minuta, quella che fatica ad arrivare alla fine del mese, quali sono i sogni dei giovani e le paure dei vecchi, perché i comici diventano politici e perché la politica non si occupa della gente. Andiamo in giro a vedere se esiste ancora la speranza».


Enzo Biagi nasceva il 9 Agosto 1920
“Tu sei la figlia di Enzo Biagi? E il mio primo istinto era dire…


Le interviste di Enzo Biagi: Pertini e il socialismo

Cronista, scrittore, narratore di fatti belli e brutti. Ricercatore di emozioni e esploratore di vite. Enzo Biagi è ancora oggi ricordato come la voce del “Bravo Paese”. Ai suoi microfoni tanti volti noti si sono lasciati andare. Nel giornalista Biagi trovavano un amico fedele, un fido compagno a cui raccontarsi.

Tra le innumerevoli interviste condotte da Enzo Biagi non possiamo non ricordare quella a Sandro Pertini. Agli inizi degli anni ottanta, il Biagi domandò all’allora presidente della Repubblica come voleva essere ricordato dai giovani. “Presidente come vorrebbe essere ricordato?” Perentorio ma commovente quesito. Il Pertini gli rispose così: “voglio essere ricordato come un uomo sincero. Come un uomo che ha commesso errori ma come un uomo che ha infinitamente amato la libertà e il popolo italiano“.

Nell’intervista Biagi-Pertini, dialogo ai livelli altissimi di umanità e intelligenza, importante la riflessione sul socialismo. Il “Presidente partigiano” confessò a Biagi la sua reale idea del socialismo. Per lui il socialismo si identificava con la libertà e con la giustizia. Soprattutto diceva che la libertà, il bene di tutti, deve accompagnarsi necessariamente alla giustizia sociale. Perchè la giustizia sociale è ciò che fa vivere degnamente gli uomini. Ciò che li fa essere liberi.

Le interviste di Enzo Biagi: Pertini

Roberto Benigni al Fatto

Al Fatto di Enzo Biagi, nel maggio 2001, Roberto Benigni tenne gli italiani incollati al televisore con il suo show anti-cavaliere. Il simpatico toscano in quell’occasione parlò del protagonismo di Berlusconi.

Enzo Biagi e Benigni commentarono il “contratto” che Berlusconi si accingeva a firmare con gli italiani. Si giocava la presidenza del Consiglio. Biagi lasciò parlare Benigni a ruota libera. Dopo le ilari dichiarazioni di Roberto Benigni però una bufera si scaraventò contro Biagi. Ma il giornalista mai fu intimorito dalla intolleranza di alcuni vertici della politica. Sempre difese il diritto di criticare, dissentire, giudicare ed essere comici.

Celebre è una citazione del giornalista: “uno che fa battute come quella di Berlusconi dimostra che, nonostante si alzi i tacchi, non è all’altezza. Un presidente del Consiglio che ha conti aperti con la giustizia avrebbe dovuto avere la decenza di sbrigare prima le sue pratiche legali e poi proporsi come guida del Paese”.

Le interviste di Enzo Biagi: Benigni

Le interviste di Enzo Biagi: Indro Montanelli

Sempre nel 2001 Enzo Biagi intervistò Indro Montanelli. Anch’egli giornalista e scrittore. Due firme illustri e due stili diversi di fare giornalismo. Sanguigno e ostinato quello di Montanelli. Quello di Biagi invece cadenzato, dolce, ironico.

Il dialogo ebbe come tema principale la politica. Nello specifico la figura di Berlusconi. In quel colloquio Montanelli disse: “Berlusconi chi è, ormai credo che l’abbiano capito tutti, meno naturalmente quelli che non vogliono capire. Ma insomma è il più grande piazzista che ci sia in Italia”.

Le interviste di Enzo Biagi: Indro Montanelli

Quella volta con Alberto Sordi

Lo sceneggiato RAI sui Promessi Sposi fu l’occasione per intervistare Alberto Sordi. Sordi interpretava Don Abbondio. Parroco noto per il suo carattere: furbo, opportunista, vigliacco. Biagi domandò all’attore romano: “Ma è questo che pensa degli italiani?”. Sordi rispose così: “A me è capitato di intepretare personaggi che avevo conosciuto, rispecchiavano la realtà della vita italiana all’epoca in cui facevo i film. Io li avevo visti così, qualche altro li avrà visti in un’altra maniera“.

Oggi il pensiero è tutto per Enzo Biagi. Meravigliosa la sua personalità, meraviglioso e vero il suo giornalismo.

Commenti