Le forze di sicurezza egiziane silenziano gli attivisti

0
214

Giovedì Amnesty International ha accusato l’Agenzia per la sicurezza nazionale egiziana di aver tentato di molestare e intimidire i difensori dei diritti umani fino a farli tacere. Il gruppo per i diritti di Londra ha intervistato 28 persone che hanno affermato che la NSA, le forze di sicurezza egiziane che si occupano di terrorismo e casi politici, li ha minacciati di arresto e perseguimento penale a meno che non avessero partecipato agli interrogatori della polizia. Il rapporto afferma che le tattiche intimidatorie sono aumentate negli ultimi due anni, con migliaia di attivisti colpiti.

Cosa hanno fatto le forze di sicurezza egiziane?

I convocati sono stati interrogati sulle loro opinioni politiche, comprese le opinioni espresse sui social media. Chi non si è presentato per l’interrogatorio, ha subito la perquisizione della casa. Gli intervistati hanno detto ad Amnesty che “vivevano nella costante paura di essere detenuti dall’NSA” e, di conseguenza, la maggior parte era troppo spaventata per partecipare ad attività politiche. Alcuni sono ora in esilio. Amnesty riferisce che le vittime non avevano possibilità di ricorso legale. Temevano ritorsioni se avessero presentato denunce formali ai pubblici ministeri o denunciato pubblicamente le loro esperienze.


Abusi e torture nelle carceri egiziane favoriscono reclutamento dell’ISIS
In Egitto la polizia adesca le persone LGBTQ+ con Grindr

Le paure degli attivisti

Questa nuova tattica della NSA di intimidazione e molestie persistenti nei confronti di attivisti, avvocati e operatori delle ONG sta distruggendo vite umane. Impedisce loro di lavorare, viaggiare e significa che vivono nella costante paura di essere arrestati“, ha affermato Philip Luther, direttore della ricerca e dell’advocacy di Amnesty International per la regione. “Le domande e le minacce dei funzionari dell’NSA rivelano un obiettivo chiaro: soffocare i diritti umani e l’attivismo politico“. Il gruppo per i diritti ha affermato che le tattiche della NSA violano il diritto e gli standard internazionali, nonché la costituzione egiziana e il codice di procedura penale. Amnesty ha chiesto al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite di istituire un meccanismo di monitoraggio e segnalazione sull’Egitto e che il pubblico ministero del paese indaghi sulle pratiche della Nsa. “Il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi e il ministro degli Interni devono porre fine a queste vessazioni extragiudiziali nei confronti di difensori e attivisti dei diritti umani“, ha affermato Luther.

Sisi e il controllo sui diritti umani

Sotto Sisi, un ex generale militare che ha preso il potere con un colpo di stato del 2013, l’Egitto ha incarcerato decine di migliaia di giornalisti, attivisti e altri critici percepiti, tra cui diversi cittadini statunitensi. La scorsa settimana, un rapporto di Human Rights Watch ha documentato le esecuzioni extragiudiziali di dozzine di presunti terroristi per mano delle forze di sicurezza egiziane. L’ultimo rapporto di Amnesty arriva la stessa settimana in cui l’amministrazione Biden ha annunciato che avrebbe inviato all’Egitto 170 milioni di dollari in aiuti militari che il Congresso aveva condizionato al rispetto di determinati parametri di riferimento dei diritti umani da parte del paese nordafricano. Ulteriori 130 milioni di dollari saranno trattenuti fino a quando il Cairo non affronterà le condizioni anonime dei diritti umani, ha detto mercoledì il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price.