Le donne saudite potranno viaggiare da sole

0
586
le donne saudite potranno viaggiare da sole

Le donne saudite potranno viaggiare da sole, senza permesso del tutore. Attualmente, infatti, tutti i cittadini sauditi al di sotto dei 21 anni, necessitano del permesso di un tutore per lasciare il paese e viaggiare all’estero.
Successivamente, però, le donne saudite restano sotto la tutela del tutore per tutta la loro vita. Questi è un parente maschio: può trattarsi del padre, del marito, del fratello, perfino del figlio.

Questo tutore può decidere se permettere o meno alla donna di sposarsi, richiedere il passaporto, viaggiare e sottoporsi ad un intervento chirurgico. Dunque, spettano a lui le decisioni che regolano la vita quotidiana della donna sotto la sua tutela.

In settimana, però, le autorità saudite hanno lasciato intendere che stanno pianificando di concedere alle donne di viaggiare in autonomia. Dunque, le donne saudite potranno viaggiare da sole e, finalmente, potranno farlo senza chiedere il permesso di un uomo. Perciò, l’Arabia apre uno spiraglio di libertà in più alle sua cittadine.

Riforme precedenti

Del resto, già nel 2017, Re Salman aveva ordinato di stilare una lista di attività che le donne potessero svolgere senza permesso. Anche il Principe ereditario aveva, poi, annunciato un piano di riforme economiche. Nel piano c’era l’obiettivo di aumentare il numero di donne nelle attività lavorative.

Successivamente, il governo aveva compiuto dei passi avanti: aveva ordinato di fornire un servizio di trasporto per le lavoratrici, poi aveva revocato il divieto di giuda per le donne. A quel tempo, un’analista, R. Jawadat, aveva rilasciato una dichiarazione. “Guidare rappresenta per me una scelta, la scelta di spostarsi in modo indipendente”, aveva detto. Ora, la possibilità di spostarsi in modo indipendente sembra concretizzarsi sempre di più.

Queste riforme accendono la speranza che il paese, dove la donna riceve metà dell’eredità di un uomo e dove anche la sua parola vale la metà, si stia imbarcando con maggior convinzione in una rivoluzione culturale.

Commenti