Le collant vestono le gambe femminili dal 1940

La nascita di un prodotto che ha rivoluzionato la moda femminile

0
251

Era il 15 maggio del 1940 quando le collant furono messe ufficialmente in vendita per la prima volta negli Stati Uniti d’America.

L’antefatto

In realtà tutto è cominciato qualche anno prima, ovvero nel 1935.

Wallace Hume Carothers scoprì una nuova fibra denominata nylon.

Depositò il suo brevetto nel 1937, ma purtroppo solo venti giorni dopo si suicidò e così non seppe mai l’importanza della sua scoperta nell’ambito del fashion femminile.

Questo nuovo tessuto venne chiamato nylon dal termine “no-run”, ovvero “non si smaglia”.

Però il nome non convinceva i produttori della DuPont che non lo sentivano orecchiabile a livello pubblicitario.

Così, provarono prima ad invertire le vocali in “NuRon”, che divenne presto “Nulon”, peraltro non approvato dall’ufficio brevetti. Quindi, l’inevitabile passaggio a “nylon”.

Il lancio del nuovo prodotto

La DuPont cominciò a pubblicizzare le nuove collant già a partire dal 1939, presentandole come un prodotto rivoluzionario per la moda femminile.

E così fu visto che il 24 ottobre 1939 si tentò una vendita di un lotto di 4000 paia di collant per sondare la risposta del pubblico femminile. In sole tre ore vennero vendute tutte.

Ma solo, come detto, il 15 maggio 1940 iniziò la vendita ufficiale. Che fu un vero successo.

Nei primi quattro giorni vennero vendute addirittura 4 milioni di paia di collant, un successo davvero straordinario.

Con il secondo conflitto mondiale il nylon venne utilizzato per la produzione di abbigliamento per l’esercito, per cui ci fu un calo nell’utilizzo su altri settori.

Ma a partire dal 1945 gli Stati Uniti ripresero a pieno regime la produzione, fatto che spinse i produttori ad investire anche nella ricerca.

La nascita della Lycra

I risultati dei ricercatori DuPont furono la scoperta della Lycra, così come venne chiamato l’elastene.

Questo è un mercato senza confini, che è partito dagli Stati Uniti, ma si è sviluppato in tutto il mondo, con aziende produttrici ovunque, a garanzia anche di stili diversi, per tutti i gusti e le esigenze.

Commenti