Le bollette delle famiglie italiane aumenteranno nel prossimo trimestre

0
419

I prezzi dell’elettricità delle famiglie italiane aumenteranno del 55% nel primo trimestre del prossimo anno e i prezzi del gas aumenteranno del 41,8% a causa dell’aumento dei prezzi delle materie prime. Sono le dichiarazioni fatte ieri, giovedì 30 dicembre, dall’autorità di vigilanza sull’energia ARERA in merito agli aumenti per le bollette delle famiglie italiane.

Perchè le bollette aumenteranno tanto?

Gli aumenti tengono conto di 3,8 miliardi di euro (4,3 miliardi di dollari) di denaro pubblico accumulato dal governo per frenare l’aumento delle bollette energetiche al dettaglio nei primi tre mesi del prossimo anno. Senza queste misure, i prezzi dell’energia elettrica e del gas per le famiglie sul mercato vincolato sarebbero aumentati rispettivamente del 65% e del 59,2%, ha affermato ARERA.

Le richieste di tutela dei consumatori

L’aumento dei prezzi dell’energia, innescato dalla forte domanda di gas mentre le economie sembrano emergere dalla pandemia di coronavirus, hanno spinto i governi di tutta Europa a introdurre misure come sussidi e sgravi fiscali per cercare di proteggere i consumatori da bollette elevate. Hanno anche portato a richieste in alcuni paesi per soluzioni a livello dell’UE, sebbene altri governi diffidano di una riforma normativa di lunga durata per quelli che, secondo loro, potrebbero essere picchi di prezzo a breve termine.


Caro-bollette: cosa cambierà nel prossimo anno secondo Confcommercio

La situazione in Italia

Il responsabile dell’ARERA, Stefano Besseghini, ha riconosciuto che molti italiani hanno dovuto affrontare gravi e inaspettate difficoltà. “L’ARERA sta valutando di modificare la parte di regolamento che normalmente si applica alle fasi ordinarie, adeguandola… a quella che è una situazione senza precedenti”. Roma, desiderosa di sostenere le famiglie a basso reddito mentre la pandemia sanitaria si fa sentire, ha speso complessivamente circa 8 miliardi di euro da luglio per frenare gli aumenti delle bollette energetiche. Oltre a misure una tantum, tra cui un taglio del 5% dell’IVA sul gas nel primo trimestre, sta esaminando la riforma strutturale a più lungo termine del mercato dell’energia.

Gli oneri che pesano sulle famiglie

ARERA ha affermato che i soldi del governo hanno permesso di sospendere temporaneamente gli “oneri di sistema” nelle bollette. Gli oneri di sistema, che comprendono cose come i sussidi alle energie rinnovabili e il decommissioning nucleare, rappresentano in media oltre il 20% della bolletta finale degli italiani. L’ARERA riesamina trimestralmente i prezzi di luce e gas per le famiglie ancora presenti sul mercato “tutelato”, ovvero regolamentato. Alcune delle misure possono interessare anche la maggior parte dei consumatori e delle imprese che si trovano ora sul mercato liberalizzato.