Sembrano essere umani, sono piccole, possono essere di peluche, a volte sono di stoffa. Le abbiamo viste da fin da quando eravamo bambini, ma alcune sono inquietanti e orribili!

Le bambole diaboliche.

Thomas Alva Edison fu uno dei più importanti inventori del mondo ma fu anche una delle persone più odiate. Aveva molti problemi con Nikola Tesla per esempio, e molti dicono che rubò le sue invenzioni è che lo portò addirittura alla rovina e alla morte.

Quello che poco sappiamo di Thomas Alva Edison, è che aveva progettato uno degli artefatti più inquietanti e spaventosi di tutta la storia, qualcosa che si ritiene che tenne nascosto e che non voleva che si sapesse.

Aveva fatto delle bambole che pensava avrebbero cambiato il mondo, dei piccoli manufatti con braccia e gambe che chiamava le:

“Bambole straordinarie parlanti”.

Tenne nascosto questa operazione per molto tempo e andò per tutti i posti dove erano state vendute per recuperarle e distruggerle. Ne vendette solo 600, perché la gente iniziò ad avere paura e cominciarono ad emergere leggende su queste bambole, le bambole che state vedendo in questo momento.

Apparentemente sono come voi le vedete, come bambole classiche di porcellana, con dei vestitini e quello che sembrano rappresentare sono donne adulte. Ma quello che realmente avevano all’interno, era un cilindro metallico che lui stesso aveva inventato e che considerava dovesse essere il primo riproduttore di suoni della storia e quasi certamente fu uno dei primi dispositivi che riproduceva il suono.

Pensava che quando queste bambole sarebbero arrivata nelle case, la gente le avrebbe trattate come dei piccoli robot, come delle cose da regalare ai bambini. Su questi cilindri registrò le voci di donne che dicevano delle frasi. Le frasi suonano in modo orrendo, anche se sembrano carine, anche se parlano di giochi con cuccioli, ma alla fine risultano sinistre, perché le voci suonano come se fossero di un altro mondo, sembrano arrivare dalla tomba. Ascoltate uno di questi primi cilindri incisi più di 120 anni fa nel 1890 da Thomas Alva Edison e giudicate voi se sono gradevoli o se causano paura:

Quello che avete appena sentito è una registrazione di una delle tre bambole che sono state recuperate e che l’istituto della voce Edison è riuscita a digitalizzare perché non si perdessero nel tempo. Accadde che vendette le bambole a bambini e bambine e questi, dopo un po’ che le avevano in casa, non le volevano più. All’improvviso dicevano alla mamma che la bambola cominciava a parlare da sola o che si muoveva o che la bambola faceva loro del male. Cominciarono a restituire le bambole dicendo ad Edison che erano un fallimento. I bambini avevano paura, sentivano che queste bambole erano vive, che queste bambole si muovevano da sole. Ascoltate quindi la seconda registrazione recuperata da queste terribili bambole di Thomas Alva Edison:

Un po più spaventosa della precedente, più raccapricciante, più kripy è sempre più demoniaca, questo è che quello sembra emergere da questa voce. Sapete cosa dice? Delle cose abbastanza stane, dice: “Molly era una bimba buona, Molly poi si è comportata male, Molly deve essere castigata”. Molly era il nome della bambola. La terza registrazione è ancora più inquietante e suona così:

“C’era una piccola bambina e aveva un piccolo ricciolo, proprio in mezzo alla fronte e quando lei era brava il ricciolo era bello, ma quando era cattiva diventava orrendo.”

Esistono molte leggende su bambolotti spaventosi, c’è ad esempio Chuky, quello di un film dell’orrore.

E’ un bambolotto che vuole ammazzare tutti con un coltello per riuscire a possedere e rimanere all’interno di un essere umano. Originariamente era un serial killer haitiano che con i suoi poteri era riuscito ad entrare in una bambola, un po’ come le bambole voodoo. E’ una trama di fantasia, però le bambole di Edison sono reali.

Giudicate voi se sono semplicemente una favola o se i suoni sono veramente così orrendi. E’ passato molto tempo e noi li percepiamo così, o realmente c’era davvero qualcosa di strano, qualcosa di soprannaturale, qualcosa che non è di questo mondo dentro a questi articoli?

Grazie per avere visitato il canale e arrivederci!

Condividi e seguici nei social

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here