Le autorità svedesi pensano a restrizioni sulle criptovalute

0
325
criptovalute

I direttori generali dell’Autorità di vigilanza finanziaria svedese e dell’Agenzia svedese per la protezione ambientale hanno pubblicato un articolo che concludeva che se la Svezia permettesse l’estrazione di criptovalute tramite Proof-of-Work. il paese potrebbe rimanere senza energia rinnovabile e mettere a repentaglio i suoi obblighi climatici ai sensi dell’accordo di Parigi. Per questo sta pensando a delle restrizioni sulle criptovalute.

Consumo energetico significativo e CO2

Il mining di criptovalute richiede una notevole quantità di potere attraverso il meccanismo di consenso Proof-of-Work, che viene utilizzato per estrarre criptovalute come Bitcoin. Questo processo produce anche una quantità esorbitante di CO2. Di conseguenza, i minatori e i produttori di criptovalute sono desiderosi di utilizzare l’energia rinnovabile, portando a una crescita del mining di criptovalute in Svezia e in altri paesi nordici. “In base alle stime dell’Università di Cambridge, è attualmente possibile guidare un’auto elettrica di medie dimensioni per 1,8 milioni di chilometri utilizzando la stessa energia necessaria per estrarre un singolo bitcoin. Questo è l’equivalente di quarantaquattro giri intorno al mondo. Ogni giorno vengono estratti 900 Bitcoin e questo non è un uso ragionevole della nostra energia rinnovabile”.

Possibile divieto o solo restrizioni sulle criptovalute?

La crescente presenza dell’industria delle criptovalute in Svezia potrebbe far sì che la Svezia non raggiunga gli obiettivi fissati nell’accordo di Parigi. La Svezia ha bisogno di energia rinnovabile per trasferire i servizi chiave verso un futuro a basse emissioni di carbonio. L’industria mineraria che utilizza la stessa energia rinnovabile potrebbe compromettere gli sforzi della Svezia per rispettare l’accordo di Parigi. Le autorità hanno concluso che l’estrazione di criptovalute che utilizza il metodo Proof-of-Work dovrebbe essere vietata a causa dell’elevato consumo di energia. “Un divieto del metodo di estrazione della prova del lavoro all’interno dell’UE potrebbe essere un primo passo importante in un passaggio globale verso un maggiore utilizzo di metodi di estrazione delle criptovalute più efficienti dal punto di vista energetico. Significherebbe anche che la nostra energia rinnovabile sia utilizzata nel modo più efficiente possibile per sostenere la transizione verso la neutralità climatica“.


Singapore entra nel mercato delle criptovalute


La massiccia impronta di carbonio di Bitcoin

Gli ambientalisti di tutto il mondo hanno fatto eccezione all’impronta di carbonio del mining di Bitcoin. Dopo l’impennata di BTC all’inizio di quest’anno, le conversazioni sull’energia utilizzata da BTC hanno preso slancio, determinando un calo del valore. Un rapporto del Bitcoin Mining Council ha dichiarato che Bitcoin ha consumato solo lo 0,38% dell’energia sprecata nel mondo.

Regolamento Bitcoin in Svezia

La banca centrale del Governatore della Svezia ha anche suggerito che Bitcoin e altre criptovalute saranno soggette a regolamentazione nel paese, grazie alla loro crescente popolarità. Il governatore ha anche citato il riciclaggio di denaro come uno dei motivi principali per cui le criptovalute non possono sfuggire alla regolamentazione. Al momento, non esiste una regolamentazione relativa alle criptovalute in Svezia. Tuttavia, la criptovaluta è soggetta a requisiti di segnalazione obbligatori.