Le atrocità dell’aeroporto di Kabul: anticipazione del caos che verrà

0
886
Afghanistan: Panshir

L’allettante confronto tra i ritiri delle forze statunitensi da Kabul nel 2021 e Saigon nel 1975 ha offerto rendimenti decrescenti negli ultimi 12 giorni. Mentre circa 7.000 persone sono state evacuate dal Vietnam (5.500 civili vietnamiti e circa 1.500 americani), più di 95mila persone hanno lasciato l’Afghanistan con uno storico ponte aereo dal 14 agosto, il giorno prima che la capitale cadesse in mano ai talebani. Ma nemmeno la partenza da Saigon ha affrontato i kamikaze. Il bombardamento di giovedì dello Stato Islamico all’aeroporto di Kabul, che ha ucciso 13 soldati americani e almeno 60 civili afgani, ha interrotto le operazioni di evacuazione e trasformato una crisi in una catastrofe.

Cosa cambia dopo la carneficina dell’aeroporto di Kabul di ieri?

Si potrebbe definire il giorno più buio della presidenza di Joe Biden. E ora non ha più tante opzioni. Ora deve decidere se abbreviare, mantenere o estendere la scadenza del 31 agosto per il ritiro completo delle forze statunitensi. Tagliare e fuggire ora lascerebbe, secondo la maggior parte delle stime, centinaia di cittadini statunitensi e molte migliaia di alleati afghani bloccati in territorio ostile. Ma restare più a lungo significherebbe invitare a ulteriori attacchi mortali da parte dell’affiliata locale dello Stato Islamico e, oltre martedì, degli stessi talebani su enormi folle in aeroporto. “Ogni giorno in cui siamo a terra è un altro giorno in cui sappiamo che Isis-K [Stato islamico Khorasan] sta cercando di prendere di mira l’aeroporto e attaccare sia le forze statunitensi che quelle alleate e civili innocenti” ha avvertito Biden martedì.

Il mancato appoggio degli USA

Dopo aver già deluso gli alleati internazionali che desideravano un ripristino della leadership americana, il presidente si trova anche in un mutato panorama politico in patria. Sono relativamente pochi gli americani che si preoccupano dell’Afghanistan o di altre questioni di politica estera rispetto alla pandemia di coronavirus. Ma ora, dopo il giorno più mortale per le truppe statunitensi in Afghanistan in più di un decennio, i sacchi per cadaveri americani torneranno a casa. La nazione ha più che mai bisogno del lato empatico di Biden, non di quello raccontato in Our Man, una biografia del diplomatico Richard Holbrooke di George Packer. In una conversazione privata nel 2010 con Holbrooke, dice il libro, Biden ha sostenuto che l’America non ha alcun obbligo nei confronti degli afghani che si fidavano: “Fanculo, non dobbiamo preoccuparci di questo. L’abbiamo fatto in Vietnam, Nixon e Kissinger l’hanno fatta franca“. Un riferimento al presidente Richard Nixon e al suo segretario di stato, Henry Kissinger.


Afghanistan: esplosione all’aeroporto di Kabul

Il cambio di rotta dettato dalla strage dell’aeroporto di Kabul

Questa tragedia, tuttavia, alimenterà l’amara polarizzazione dell’America e aumenterà la temperatura politica. Alcuni repubblicani hanno già chiesto le dimissioni del presidente. Josh Hawley, senatore del Missouri, ha dichiarato: “Questo è il prodotto del catastrofico fallimento della leadership di Joe Biden. Ora è dolorosamente chiaro che non ha né la volontà né la capacità di guidare. Deve dimettersi“.

Il limite del potere degli USA

A lungo termine, le atrocità di giovedì offrono uno scorcio del caos che verrà in Afghanistan e di quanto i miseri sforzi per la costruzione della nazione e l’importazione della democrazia in stile occidentale siano falliti. Se il gruppo noto come Stato Islamico Khorasan voleva attirare l’attenzione del mondo e sottolineare i limiti del potere degli Stati Uniti, sicuramente ci è riuscito. Lo Stato Islamico Khorasan è un nemico giurato dei talebani e ancor più ideologicamente estremo. I suoi ranghi includono membri dei talebani che si sono risentiti per i colloqui di pace dei loro leader con gli Stati Uniti. Il suo intervento di giovedì suggerisce la possibilità di ulteriori attacchi terroristici anche dopo che gli americani se ne saranno andati.

La crisi nella crisi

Ciò si aggiunge alle minacce dei talebani ai diritti umani, in particolare a quelle di donne e ragazze, alla debolezza delle istituzioni governative e a un’economia che precipita verso l’orlo di un precipizio. “Questa è una crisi umanitaria a tutti gli effetti“, ha affermato Bob Menendez, presidente della commissione per le relazioni estere del Senato. Insieme ai paralleli di Saigon, è stato anche ampiamente osservato con frustrazione negli ultimi giorni che 20 anni di sangue in Afghanistan non sono riusciti a fare la differenza. Giovedì, quando il vaso di Pandora si è aperto, sembrava possibile che facesse la differenza, in peggio. Mehdi Hasan, un presentatore della rete di notizie via cavo MSNBC, ha twittato: “Abbiamo invaso l’Afghanistan per combattere un gruppo terroristico, Al Qaeda, che ci ha attaccato. Mentre ce ne andiamo, veniamo attaccati da un altro gruppo terroristico, l’ISIS, peggio di Al Qaeda, e che non esisteva quando abbiamo invaso. L’ho detto prima: tutto ciò che la guerra al terrore ci ha dato è stata più guerra e più terrore“.