LdB 2020: al vaglio aumento su sigarette elettroniche e tasse su auto a noleggio

0
232
Legge di Bilancio 2020: è l'ora degli emendamenti.

Il testo definitivo della manovra economica non è stato ancora approvato. Il governo ha preferito prolungare i tempi della procedura fino al 2 dicembre, quando dovrebbe arrivare il voto favorevole da parte della Camera dei deputati. Questo slittamento è legato principalmente alla necessità di reperire le risorse che ancora mancano per attuare alcuni provvedimenti previsti dalla LdB 2020. Tra questi ci sono in particolare la detassazione del 10% dei premi riconosciuti ai dipendenti pubblici e i circa 300 milioni di euro utili per rendere effettiva la riduzione dell’Iva su pannolini per neonati, pannoloni per anziani e assorbenti. E così è giunto il momento di valutare i vari emendamenti in arrivo, alcuni dei quali prevedono aumenti su sigarette elettroniche e vetture aziendali o a noleggio.

Innanzitutto, qualora dovessero essere inseriti nel testo definitivo della Legge di Bilancio, ci sarebbero dei cambiamenti importanti per i contribuenti. Ad esempio, il modello 730 potrebbe essere presentato tramite CAF non solo da pensionati e dipendenti, ma anche da coloro che hanno dei redditi autonomi non occasionali, oppure i guadagni che vengono assimilati a quelli da lavoratore subordinato. In questo caso sarebbe previsto anche uno spostamento dei termini di scadenza per gli adempimenti, passando dal 23 luglio al 30 settembre. Di conseguenza, i rimborsi a conguaglio non verrebbero versati insieme alla busta paga di luglio, ma alla prima data utile di retribuzione.

Giuseppe Conte, Presidente del Consiglio.

Inoltre il governo giallorosso sarebbe pronto a fissare al prossimo 16 marzo il giorno di scadenza per la consegna di certificazioni uniche ad opera del sostituto d’imposta ai contribuenti, mentre passerebbe dal 15 al 30 aprile quello riguardante la messa a disposizione della dichiarazione precompilata.

LdB 2020: stop al doppio scontrino per i pagamenti con POS

Gli emendamenti alla LdB 2020 contengono anche altre importanti misure che ovviamente andranno discusse ed eventualmente inserite nel testo finale. Innanzitutto, per cercare di dare un ulteriore incentivo all’utilizzo dei pagamenti elettronici, si vorrebbe consentire ai titolari di esercizi commerciali di non emettere più un doppio scontrino in caso di utilizzo del POS (adesso è previsto quello fiscale e quello per la banca), facendo in modo che siano gli istituti ad occuparsi di inviare l’apposita comunicazione all’Agenzia delle Entrate.

Bonus Casa facciate e ristrutturazioni: cosa prevede la Legge di Bilancio 2020

L’ecobonus già in vigore per le ristrutturazioni energetiche starebbe andando incontro ad un’importante novità: le detrazioni, infatti, a partire dal prossimo anno dovrebbero essere erogate direttamente sul conto corrente di chi ha richiesto i lavori, ma non in un’unica soluzione, bensì in dieci tranche. La maggioranza M5S-PD vorrebbe anche venire incontro alle esigenze dei piccoli Comuni, facendo in modo che per la gestione dei servizi di tesoreria e di cassa possano affidarsi a Poste Italiane. Al contempo si dovrebbe dare il via alla tax credit del 30% per le strutture alberghiere che effettuano interventi di riqualificazione, ma per i titolari di hotel che non richiedono la tassa di soggiorno potrebbero arrivare multe piuttosto salate.

LdB 2020: verso il via libera alla Tax Credit.

Si sta valutando la possibilità di attivare nuovi finanziamenti da 80 milioni di euro per potenziare la rete ferroviaria. Il Partito Democratico, tramite Claudio Mancini, ha depositato un emendamento nel quale viene stabilito che chi ha perduto la prima casa per difficoltà economiche, possa riattivare il mutuo, recuperando così la propria residenza. Invece Paola Pisano, ministro per l’Innovazione, ha annunciato che ci sarà una svolta digitale, con l’apertura di una piattaforma online volta alla ricezione di atti amministrativi quali notifiche dall’Agenzia delle Entrate o multe, mandando così in pensione i tradizionali avvisi cartacei tramite posta.

La stangata però per i cittadini potrebbe arrivare da quegli emendamenti che hanno l’obiettivo di reperire fondi per sostenere i vari costi d’intervento. Il presidente della Commissione Finanze Carla Ruocco ha presentato un emendamento che propone di raddoppiare le tasse su sigarette elettroniche e tabacco riscaldato (dovrebbero fruttare 70 milioni di euro di introiti), e che prevede l’opzione per le Province di richiedere la tassa di circolazione anche sulle automobili a noleggio oppure aziendali.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here