La Lazio demolisce il Benevento per 5-1 nella undicesima giornata di Serie A e resta appaiato al secondo posto a pari punti con la Juventus, in attesa ovviamente che l’Inter giochi lunedì sera. Non che fosse difficile prevedere la vittoria della squadra di Inzaghi contro l’inesistente Benevento di questo campionato, ma la fame e i 5 gol con i quali i biancocelesti hanno spazzato via i campani sono l’ennesima conferma di una squadra in stato di grazia e che ormai deve considerarsi tra le Top del nostro torneo. Benevento ancora fermi a zero punti, ci si chiede, a questo punto, quando arriveranno i primi punti per i giallorossi.

La Lazio ci mette appena 24 minuti per chiudere la pratica e ritrovarsi avanti addirittura di 3 goal. Ne servono, infatti, appena 4 per fare il primo, quando la retroguardia campana lascia da solo un certo Immobile che serve facile Bastos, che la butta dentro indisturbato. Il secondo goal non tarda ad arrivare: taglio di Immobile, che viene servito da un filtrante di Milinkovic-Savic, e tiro potente di destro a fulminare Brignoli. E’ il 13′ e già 2-0. Per l’attaccante campano della Lazio ennesimo straordinario gol che gli permette di balzare addirittura in testa alla classifica per la Scarpa D’Oro ed essere sempre più primo in quella di capocannoniere della Serie A, visto che è il quattordicesimo gol in undici partite. Fantastico. Ciro mette lo zampino anche al terzo goal, quando serve con un bell’assist Marusic che firma il 3-0. Primo tempo a senso unico.

Nella ripresa si vede fin da subito un’inaspettata reazione d’orgoglio da parte del Benevento, che si da una scossa anche grazie all’ingresso in campo di Ciciretti, inspiegabilmente messo in panchina da De Zerbi, che da il via al goal della bandiera giallorossa: lo firma Lazaar, che fulmina Strakosha al 55′ con un tiro di destro dopo un bel dribbling. Ma è troppo poco per mettere in difficoltà la Lazio e sperare di riaprire il match. I biancocelesti ci mettono poco a riportare alla giusta distanza i campani, anche grazie all’ingresso in campo di Nani, ex Manchester United, che prima regala un bell’assist a Parolo per il 4-1, e poi si mette in proprio con un bel goal personale che porta il risultato al definitivo 5-1. Un segnale a Inzaghi, quello del fuoriclasse portoghese.

La Lazio dunque continua a volare e a vincere, aggancia la Juve a quota 28 punti e si candida seriamente a piazzarsi tra le prime quattro di questo equilibratissimo campionato. Il Benevento invece deve ancora incredibilmente rimandare l’appuntamento con i primi punti alla dodicesima giornata.

Condividi e seguici nei social

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here