Lavrov: nuova cortina di ferro in discesa tra Russia e Occidente

0
298
Lavrov: nuova cortina di ferro in discesa tra Russia e Occidente

Il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, ha dichiarato che una nuova “cortina di ferro” sta scendendo tra la Russia e l’Occidente. Lavrov ha anche affermato che Mosca non si fiderà più di Washington e Bruxelles.

Lavrov: nuova cortina di ferro tra Russia e Occidente?

Il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, ha affermato che una nuova “cortina di ferro” sta scendendo tra Mosca e l’Occidente. Durante una conferenza stampa in Bielorussia, Lavrov ha detto che “il processo è già iniziato” per la chiusura di una nuova cortina di ferro tra la Russia e i suoi vicini occidentali. Il ministro russo ha anche affermato che le relazioni tra Russia e Unione Europea non esistono più. “L’Unione Europea ha distrutto il rapporto che era stato costruito nel corso degli anni”, ha detto. Lavrov ha poi sottolineato che Mosca non ha alcuna relazione con l’UE dal 2014, quando la Russia ha annesso la penisola della Crimea dall’Ucraina. Lavrov ha infine affermato che d’ora in poi Mosca non si fiderà più di Bruxelles e Washington. “Posso solo dire che d’ora in poi non ci fideremo né degli americani né dell’UE. Faremo tutto il necessario per non dipendere da loro nei settori critici. L’UE non è affatto interessata a comprendere i nostri interessi”, ha detto il ministro.

Anche per il ministro bielorusso sta nascendo una nuova cortina di ferro

Anche il ministro degli Esteri bielorusso, Vladimir Makei, ha parlato della “cortina di ferro”. Makei ha affermato di essere d’accordo con il suo omologo russo che la cortina di ferro tra Russia e Occidente “non solo si profila all’orizzonte, ma la sua costruzione è già iniziata”. Secondo il ministro bielorusso, la cortina di ferro si manifesta non solo nella restrizione o cessazione dei contatti politici, restrizioni al commercio, alla logistica e alla circolazione dei cittadini, ma anche in vere e proprie barriere erette dai Paesi UE al confine con la Bielorussia.


Leggi anche: Lavrov: esiste pericolo reale di una Terza guerra mondiale