VERONA – Per la gioia di enogastronomici, somelier o semplicemente appassionati di vino e prodotti vinicoli torna Vinitaly, la più grande manifestazione a livello mondiale che ininterrottamente dal 1967 si tiene in oltre 95.000 m² dei padiglioni di VeronaFiere.

Il Salone Internazionale Vinitaly che quest’anno raggiunge la sua 51esima edizione, permette di mettere in mostra vini e distillati a centinaia di cantine e Aziende produttrici, alle migliaia di visitatori che si recheranno a Verona dal 9 al 13 aprile 2017.

Da segnalare la magnifica iniziativa per la sostenibilità all’ambiente che porterà il Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano. Il progetto già intrapreso a Montepulciano, verrà portato anche a Vinitaly e permetterà anche agli enoturisti (oltre 300mila all’anno) di contribuire all’azzeramento della CO2, raggiungendo le cantine di esposizione con delle bici di design a pedalata assistita.

Le coordinate per trovare a Vinitaly i produttori di Vino Nobile di Montepulciano presso lo stand del Consorzio sono sempre le stesse: Padiglione 9 (Toscana), Stand D12 – D13.

Ma anche tante novità per l’edizione 2017: A partire dallo stand che ha subito un notevole restyling, in linea con l’evoluzione grafica dell’immagine del Consorzio stesso.

Ma come annunciato prima, la vera novità sarà la presentazione dell’“E(co)Bike”. Verrà infatti presentato a verona questo progetto ‘pedalabile’, produzione aggiuntiva del Consorzio, una bici dal design unico, realizzata da artigiani su pezzi singoli, che potrà essere “pedalata” allo stand dai visitatori che, con un minuto di attività e una foto ricordo, potranno dire di aver contribuito al progetto di sostenibilità ambientale che porterà entro il 2018 la Docg toscana a essere tra le prime con la certificazione Zero CO2. «Una provocazione, naturalmente, che abbiamo voluto lanciare al pubblico che raggiungerà la nostra area – spiega Andrea Natalini, presidente del Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano – per spiegare concretamente quello che i nostri produttori, insieme al Consorzio e all’Amministrazione Comunale stanno facendo per sostenere il territorio d’origine del nostro vino».

La sostenibilità a Montepulciano. Gli investimenti diretti praticati dalle aziende produttrici di Vino Nobile negli ultimi dieci anni per la sostenibilità ambientale hanno superato gli 8 milioni di euro. Oltre il 70% delle imprese (circa 60) ha già investito in progetti sostenibili, mentre il 90% ha in corso progetti di realizzazione di impianti. Entrando nel dettaglio, delle 76 aziende consorziate, oltre il 70% ha un impianto fotovoltaico e il 35% si è dotato di solare termico per la produzione di calore. Il 20% ha sistemi di recupero delle acque reflue, mentre un 10% delle imprese ha investito nella geotermia. Negli ultimi anni circa la metà delle aziende ha sviluppato pratiche naturali, come la fertilizzazione, l’inerbimento, l’utilizzo di metodi di coltivazione meno impattanti. Questo si lega al concetto di biodiversità che vede oltre il 40% delle aziende di Vino Nobile praticare una agricoltura sotto il regime del biologico, alcune biodinamiche. Montepulciano vanta anche il primo caso in Italia di cantina “off grid” e altri casi esemplari già presi come modello da altre realtà vitivinicole.

Ogni anno infatti arrivano nella nota Montepulciano decine di migliaia di winelovers. Il Consorzio del Vino Nobile, in collaborazione con Urban Bikery di Montepulciano (start up del settore), ha pensato di studiare un progetto di sensibilizzazione per tutti questi vinoturisti a partire proprio dalla vivibilità del territorio. È stato pensato ed architettato un modo per cui tutte queste persone amanti del vino, possano anche sostenere la terra e l’ambiente, proprio da dove si genera il frutto del vino.

All’interno dello stand a Veronafiere sarà presente quindi una bici di design che potrà essere provata sul posto dai visitatori per un minuto, la quale servirà principalmente come test. In cambio i wine lovers otterranno un voucher per un calice di Vino Nobile presso l’Enoliteca consortile + un buono per una spensierata gita all’aria aperta in bici.

Commenti