L’Aquila – Grave studente 19enne del liceo classico Cotugno

0
286

Incidente a L’Aquila, dove uno studente di 19 anni del liceo classico Cotugno è finito in ospedale, dove è ricoverato in rianimazione, dopo aver ingerito del gel disinfettante anti Covid all’uscita dal bagno.

L’episodio si è verificato nel primo giorno di scuola dopo le vacanze di Natale, dal momento che l’Abruzzo è una delle tre regioni italiane che hanno dato il via libera al rientro a scuola al 50% delle superiori. Il primo giorno di scuola dopo le vacanze di Natale è stato segnato da un drammatico incidente in Abruzzo. Uno studente di 19 anni del liceo classico Cotugno de L’Aquila ha infatti ingerito del gel disinfettante anti Covid, tipo Amuchina, ed è finito in rianimazione.

Le sue condizioni sono al momento gravi e la prognosi resta riservata. L’episodio si sarebbe verificato, a quanto pare, quando lo studente, a cui è stato assegnato un docente di sostegno, era uscito nel bagno e si apprestava a rientrare in classe. Al momento non si sa se il personale della scuola sia intervenuto in tempo per bloccare il ragazzo nel proseguire l’azione, fatto sta che sul posto sono subito intervenuti gli operatori sanitari del 118 che hanno trasferito il 19enne all’ospedale dell’Aquila.

Bisogna attendere almeno la giornata di oggi per capire come il suo fisico reagirà alla sostanza, altamente tossica. Dopo i tragici accadimenti legati al terremoto del 2009, il Liceo Classico dell’Aquila è stato trasferito insieme ad altri istituti in quello che è stato definito polo di Colle Sapone che conta complessivamente 1.400 alunni. Per il resto il primo giorno di rientro tra i banchi, contrassegnato dalla presenza anche di vigili urbani e personale della protezione civile, non ha fatto registrare alcuna problematica. L’Abruzzo, infatti, insieme a Toscana e Valle d’Aosta è una delle regioni italiane in cui ieri sono tornati tra i banchi gli studenti delle superiori, seppur al 50 per cento. Tutte le altre hanno deciso di rinviare l’apertura dopo le vacanze di Natale in attesa di scoprire l’andamento della curva epidemiologica.

Commenti