L’anima verde del Pnrr italiano: Von der Leyen auspica l’attuazione

Oltre 500 miliardi di euro saranno destinati a progetti verdi e digitali in tutta l'UE. L'ha dichiarato Ursula Von der Leyen, Presidente della Commissione europea.

0
233
L'anima verde del Pnrr italiano
epa08690143 European Commission President Ursula Von Der Leyen gives a statement on New Pact for Migration and Asylum at the European Commission in Brussels, Belgium, 23 September 2020. EPA/STEPHANIE LECOCQ / POOL

Il Piano nazionale di ripresa e resilienza comprende anche la lotta al cambiamento climatico. L’anima verde del Pnrr italiano consiste in una serie di progetti che include un incremento nell’utilizzo di energie rinnovabili, tutele del territorio e delle risorse idriche ed agricoltura sostenibile.

Qual è l’anima verde del Pnrr italiano?

La ripartenza, dunque, non può prescindere da una rinnovata attenzione per l’ambiente e per la gestione delle risorse naturali. Per questo, parte dei fondi europei destinati a sostenere il Piano nazionale di ripresa e relizienza saranno stanziati e investiti in progetti green. Una tendenza che non riguarda solo l’Italia, ma l’Europa intera.

Le parole di Ursula Von der Leyen

La Presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen si è espressa fortemente a favore dell’investimento di parte dei fondi europei nella lotta al cambiamento climatico. “Oltre 500 miliardi di euro saranno destinati a progetti verdi e digitali in tutta l’Ue”. Ha dichiarato la Von der Leyen ai microfoni dell’Ansa. “A questo importo vanno poi aggiunti gli investimenti nazionali e privati. Un vero e proprio piano Marshall verde, che farà sorgere nuovi mercati e spalancherà gigantesche opportunità economiche, per l’Europa e per l’Italia”.

A proposito dell’Italia, la Presidente della Commissione europea ha detto: “Il Pnrr dell’Italia ha un’autentica anima verde. Il 37% di NextGenerationEU Italia sosterrà la transizione verde. Ma adesso gli investimenti e le riforme del piano devono trasformarsi in realtà”.

L’arrivo dei fondi

Nel frattempo, i primi fondi del Recovery Fund sono in arrivo. Il Presidente del Consiglio Mario Draghi è in continuo contatto con Bruxelles, ed ha garantito il proprio impegno ad investire tali fondi per attuare riforme e progetti contenuti del Pnrr. Piano che dovrebbe iniziare a realizzarsi concretamente entro la fine del 2021.

LEGGI ANCHE: Bruxelles promuove Pnrr italiano: Von der Leyen a Cinecittà

Pnrr Draghi: la geotermia non viene citata

Le modifiche del PNRR coinvolgono la giustizia amministrativa