Lamborghini Miura SV: un gioiello durato solo un anno

La Lamborghini Miura SV, sportiva considerata "perfetta" da molti addetti ai lavori, è stata prodotta soltanto per un anno: ecco la sua storia e il valore attuale.

0
1610
Lamborghini Miura SV storia
La mitica Lamborghini Miura SV (screenshot Instagram)

La storia della Lamborghini Miura SV ha dell’incredibile. Considerata una vettura che ha rasentato la perfezione, è uscita di produzione dopo appena un anno. Tutto cio, però (insieme alle sue sublimi caratteristiche tecniche) probabilmente ha contribuito ad alimentarne il mito. Quando parliamo di questa vettura spesso ci soffermiamo nel descriverne esclusivamente il motore, il più potente di sempre tra i V12 trasversali della Casa di Sant’Agata Bolognese con i suoi 385 CV. In realtà ha avuto tante altre peculiarità uniche.

Lamborghini Miura SV, una macchina “perfetta”

Gli ingegneri Paolo Stanzani e Giampaolo Dallara ebbero grossi rimpianti nel momento in cui la Lamborghini Miura SV uscì di produzione dopo appena un anno dal suo lancio e 150 vetture realizzate. Nell’ambiente infatti si soleva affermare: “Si è smesso di costruirla quando finalmente era una macchina perfetta”. Ma perché fu presta questa decisione repentina? I dirigenti della Lamborghini si resero conto che la clientela mondiale stava bistrattando la Miura a causa del destino che si stava abbattendo su alcune vetture usate. Alcune erano finite in mani sbagliate e spesso erano state avvistate in situazioni poco edificanti. Dunque, per allontanarsi da quest’associazione poco esaltante, l’azienda emiliana fu costretta a fermare la produzione anzitempo.

Lamborghini Countach: il mito sta tornando

Quali erano i suoi punti di forza?

La Lamborghini Miura SV debuttò in pubblico al Salone di Ginevra del 1971. Le sue novità si trovavano soprattutto nella parte posteriore. Aveva, infatti, sospensioni aggiornate, carreggiata allargata e nuovi pneumatici ribassati. Queste caratteristiche migliorarono decisamente la stabilità della vettura. La lubrificazione del cambio fu inoltre separata da quella del motore. In merito al design, la Miura SV era differente dalla S per i parafanghi posteriori più ampi, i fanalini posteriori più grandi ispirati alla Fiat Dino Coupé 2400 e, infine, non aveva le griglie attorno ai fari. I 385 CV del motore erano in grado di portare la supercar Lamborghini a toccare i 300 Km/h.

Quanto vale oggi la Lamborghini Miura SV?

Tutte le Lamborghini della gamma Miura sono ormai entrate nel mito e le loro quotazioni sul mercato dei collezionisti sono decisamente alte. Nonostante ciò, la perfezione della Lamborghini Miura SV e la superiorità rispetto alle “sorelle”, si nota anche in questa circostanza. Infatti, ad oggi, se una sportiva di questa linea può avere una valutazione che si aggira intorno al milione di euro, la versione SV facilmente può arrivare a toccare i due milioni di euro, se non addirittura superarli.