Lady Gaga Bradley Cooper a Venezia 75 con A Star Is Born

0
1881

Parleremo del film fuori concorso “The Star is Born”.

Esordio alla regia per Bradley Cooper che vede come protagonista Lady Gaga. E’ il terzo remake di un classica pellicola hollywoodiana: ricordiamo con piacere quelle con Janet Gaynor, Judy Garland e Barbra Streisand. Il film racconta la storia di Jackson Maine (Bradley Cooper), star della musica country, che un giorno scopre una perfetta sconosciuta con un gran talento: Ally (Lady Gaga).

Jackson l’aiuta ad entrare nel mondo della musica e ad aver successo. Ma qualcosa non va. Ally ha più successo di Jackson mentre quest’ultimo imbocca il triste sentiero del “viale del tramonto”. Jackson ha infatti il vizio dell alcool e gravi problemi di udito.

Bradley Cooper e Lady Gaga hanno scritto tutte le canzoni, affiancati anche da altri artisti. Il film presenta un’attenta scrittura, tra gli sceneggiatori Eric Roth (Forrest Gump). Bravissimo Bradley che con la sua interpretazione valorizza decisamente Lady Gaga. Molto bene anche Gaga che potrebbe essere tra le candidate all’ Oscar per miglior canzone. Da non perdere per cuori forti…

In conferenza stampa.Gaga a cervato di fare un confronto tra lei e Ally nel.film “C’è chi vuole condizionare il tuo aspetto, metterti attorno dei ballerini: nel film succede ad Ally, ma è capitato anche a me. Io, però, ho sempre cercato di fare a modo mio ciò che mi chiedevano di fare. Portavo avanti la mia visione personale, proprio come Ally, per trovare il mio posto”.

La cantante ha recitato per il grande schermo già nel 2013, quando ha interpretato La Chameleón nel film “Machete kills” di Robert Rodriguez (vale la pena menzionare anche il cameo in “Sin city” e “Muppets most wanted” del 2014), ma “A star is born” è il primo film in cui interpreta la parte della (co)protagonista. A proposito di questa ha commentato:

“Finalmente corono il mio sogno di diventare attrice, qualcuno ha creduto in me e questo mi ha fatto vincere la sfida. Ci vuole una persona che creda in te perché le cose possano succedere. Bradley mi ha messa a nudo, ha trovato un nuovo volto per me. Ciò mi ha resa vulnerabile. È stata un’esperienza molto forte che mi ha reso libera”.
Poi parlando del.suo essere acqua e sapone nel.film. dice «Fa parte della mia arte e della musica diventare personaggi sempre diversi – racconta ancora Lady Gaga – ma Bradley mi voleva vedere senza niente e mi ricordo che stavo scendendo le scale di casa il primo giorno di lavoro e lui si è presentato con in mano tutti i prodotti per struccarmi e mi ha detto che non voleva vedere trucco sul mio volto. Ho scoperto quindi un nuovo volto in me ed una nuova vulnerabilità – aggiunge – ed è stata un’esperienza molto forte per me che mi ha reso libera».
Se Lady Gaga si è tolta per la prima volta una maschera artistica, Bradley Cooper ha parlato.della.sua esperienza.artistica e alla.regia .Il suo Jackson è un uomo che si trascina. Sguardo malinconico, voce roca, problemi di salute e con l’alcool. Bradley dice:

” Credo che il tempo sia la moneta più importante che abbiamo. Ho 43 anni e tanto tempo davanti a me. Tempo che vorrei sfruttare al meglio. E sì, mi piacerebbe dirigere ancora. Quello che serve è innamorarsi di una storia. Io ho amato A Star is Born. Ogni secondo e ogni minuto passati su questo film mi fanno pensare che ne sia valsa la pena. Anche perché lavorare con Lady Gaga è stato stimolante ed eccezionale. Era bellissimo guardarla sul set, perché mentre cantava non ci sembrava neanche di essere al lavoro, ma davanti a una grande artista che riusciva a cambiare la temperatura dell’ambiente attorno a noi. Se ci pensate è stata una prima volta per entrambi. Per lei con la recitazione. Per me con il canto. Per cui ci siamo aiutati e guidati a vicenda. Ogni scena era nuova, era un’esperienza in cui ci arricchivamo insieme. Devo dire che c’è stata una folgorazione che mi ha aiutato tanto per questo film
Il film uscirà nelle sale italiane l 11 ottobre
Lido di Venezia 1 Settembre 2019
G.Convertini

Commenti