Niva Legend: il nuovo fuoristrada Lada arriverà nel 2024

Lada nel 2024 sarà nuovamente protagonista del mercato dei fuoristrada con Niva Legend: il rilancio dell'iconica vettura sarà nel solco della tradizione e delle ultima novità tecnologiche.

0
1481
Il 2024 sarà l'anno del fuoristrada Lada Niva Legend.

Avrà un nome nuovo ma non dimenticherà il suo luminoso passato. Nei prossimi anni giungerà nuovamente sul mercato lo storico fuoristrada dell’azienda russa Lada che, per l’occasione, si chiamerà Niva Legend. L’annuncio è stato dato durante l’evento di presentazione dei progetti del Gruppo Renault (di cui fa parte il marchio con sede a Togliatti), ed è stato anticipato che ovviamente il modello 4×4 del XXI secolo proporrà anche delle interessanti novità e modifiche.

Si tratta di un ulteriore passo in avanti nell’opera di rilancio del brand Lava, uno degli obiettivi che si è prefissata la Renault dell’amministratore delegato Luca De Meo. In questa fase sono già partiti i lavori di sviluppo della Niva Legend, e già si sa che verranno confermate alcune delle caratteristiche che hanno reso storica questa macchina.

Il marchio Lada fa parte del Gruppo Renault.

Il fuoristrada verrà proposto ancora una volta come una auto ideale da usare in condizioni estreme e particolarmente probanti. Proporrà anche in questa circostanza la trazione integrale, avrà il baricentro alto, i rapporti corti e quella robustezza “spartana” che ha rappresentato uno dei segreti del suo successo. La 4×4 quasi certamente sarà in vendita a partire dal 2024 e, come dichiarato da De Meo, dovrà dare un contributo fondamentale al “completo riposizionamento della Lada come marchio automobilistico”.

Niva Legend darà il via alla sinergia con Dacia

Renault ha in programma di presentare quattro nuove auto della Lada in cinque anni, e quest’obiettivo dovrà rientrare in un più ampio piano di sinergie con altri brand del Gruppo francese.

Lada nuova Niva Legend
Come sarà la nuova Niva Legend.

Non a caso, si è deciso di creare un connubio tra le vetture russe (Niva Legend compresa) e quelle della Dacia allo scopo di introdurre un’unica divisione che dovrà garantire crescita e sviluppi sostanziali, anche se i marchi resteranno ben distinti.

Lo spot della nuova Renault Clio fa scalpore

Ad esempio, sia la casa automobilistica di Togliatti che quella romena condivideranno la piattaforma Cmf-B. inoltre saranno chiamate a ridurre le varianti di carrozzeria, passando da 18 a 11, mentre all’opposto dovranno ampliare la loro presenza sul mercato e anche sui vari segmenti dell’industria automobilistica.